Cime tempestose "> Cime tempestose

Cime tempestose

Cime tempestose, articolo di "Valentina Doati" su Persinsala Teatro
Home | Performing Arts/Prosa | Cime tempestose

Cime tempestose
Recensioni/Articoli di

Sono tinte di rosa le Cime tempestose andate in scena al Teatro alle Colonne: il famoso amore tra Catherine e Heathcliff ha il volto di tre donne. Cime tempestose è un classico della letteratura: il fascino della storia narrata da Emily Brontë ha seminato suggestioni nell’arte cinematografica (ne fu vittima anche Luis Buñuel, autore di …

«Un perfetto paradiso per misantropi» ovvero: Cime tempestose

Leggi la Recensione Cime tempestose

Sono tinte di rosa le Cime tempestose andate in scena al Teatro alle Colonne: il famoso amore tra Catherine e Heathcliff ha il volto di tre donne.

Cime tempestose è un classico della letteratura: il fascino della storia narrata da Emily Brontë ha seminato suggestioni nell’arte cinematografica (ne fu vittima anche Luis Buñuel, autore di un adattamento nel 1953) e musicale (da ascoltare Wuthering Heights, canzone con cui Kate Bush debuttò nel 1978). Il teatro, al contrario, è rimasto quasi impermeabile alla tentazione di ispirarsi alla struttura a cornice del romanzo: il racconto in prima persona di Lockwood al proprio arrivo nei pressi di Wuthering Heights lascia il posto alla narrazione della governante, Nelly Dean, che ripercorre la storia di Catherine e Heathcliff fin dalla loro infanzia. È la storia di un amore indissolubile, più forte di qualsiasi contrasto, che sopravvive persino alla morte.

Proprio sull’amore eterno e sul tormento delle due anime dei protagonisti si concentra il lavoro di adattamento che Raffaella Boscolo, anche regista e interprete, ha relizzato per il teatro: la voglia di creare uno spettacolo da questo romanzo dimostra una determinazione caparbia quasi quanto quella dei caratteri dei protagonisti. La scrittura della Brontë, infatti, sembra essere più adatta alle possibilità offerte dal cinema: prevale la descrizione degli elementi fisici – oltre a quella dei sentimenti; inoltre, la forma narrativa porta alla descrizione anche delle azioni. Il teatro, invece, per sua stessa natura, si fonda sull’agire degli interpreti. Lo spettacolo, dunque, mostra un limite comune alla maggior parte delle riduzioni dai romanzi ed è segno che l’operazione è insidiosa: il raddoppiamento tra piano verbale e piano dell’azione rischia di risultare ridondante nel momento in cui le parole descrivono il proprio agire. All’eccessivo spazio concesso alla narrazione, la Boscolo rimedia con una messinscena non naturalistica, ottenendo un risultato efficace. Volutamente, quindi, lo spettacolo non è la rappresentazione dell’opera letteraria, ma riflette le suggestioni che lo sguardo della regista-lettrice ha raccolto nel romanzo.

La riduzione, che a una prima impressione sembra sbilanciata sulla prima parte, con il maggiore spazio concesso al racconto degli anni dell’infanzia e dell’adolescenza, è giustificata da un diverso equilibrio scenico: infatti, la prima parte è più dinamica, sono in scena tutte e tre le attrici e si ha lo sdoppiamento delle azioni che moltiplicano i piani di rappresentazione (come nella scena in cui il fantasma di Catherine scrive sul muro il proprio nome, mentre Lockwood racconta della notte spiritata trascorsa a Wuthering Heights). La seconda parte, al contrario, è tutta concentrata negli occhi e nella tensione espressa dalla Boscolo: l’interpretazione è intensa e densa di emozioni, che però restano come trattenute sul palcoscenico. Manca qualcosa che le spinga verso la platea: probabilmente lo sguardo esterno del regista, ed è un rischio comune agli attori che dirigono se stessi.

Insieme alla Boscolo sul palco si muovono due giovani interpreti: la figlia, Alice Violaine, e Martina Merlini. La freschezza e l’esuberanza delle ragazze rende ancora più incisiva la coerenza anagrafica con i protagonisti del racconto. L’inesperienza non crea imbarazzo nel padroneggiare i movimenti scenici: Alice, in particolare, ha una figura elegante sebbene ancora acerba.

La penombra, infine, creata dalle candele e dalle luci sommesse, conferisce all’atmosfera un tono intimo, misterioso, evocativo di quell’elemento gotico di cui è pervaso il romanzo.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro alle Colonne
corso di Porta Ticinese, 45 – Milano
fino a sabato 9 aprile

Compagnia scheriANIMAndelli
TEATROalleCOLONNE presenta:
Cime tempestose
dal romanzo di Emily Brontë
regia Raffaella Boscolo
con Raffaella Boscolo, Alice Violaine, Martina Merlini
consulenza musicale Ulisse
(durata dello spettacolo 70 minuti)

5,00

Check Also

Teatro Libero. Stagione 2011-2012

In equilibrio tra onirismo e realtà, il Teatro Libero di Milano si appresta a essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi