Evita, ay que vida! "> Evita, ay que vida!

Evita, ay que vida!

Evita, ay que vida!, articolo di "Francesca Leonetti" su Persinsala Teatro
Home | Roma | Ambasciata Argentina | Evita, ay que vida!

Evita, ay que vida!
Recensioni/Articoli di

Presso le splendide sale dell’ambasciata Argentina è andato in scena Evita, ay che vida, un recital sulla storia di Eva Perón e sulle vicende politico-sociali che segnarono il suo Paese. Protagonista solista, nonché regista e autrice dell’opera, l’artista italo-argentina Sonia Belforte, che oltre ad avere all’attivo lavori di speakeraggio, doppiaggio e partecipazioni nella compagnia teatrale …

Evita e Sonia: storia di un incontro

Leggi la Recensione Evita, ay que vida!

ambasciata-argentinaPresso le splendide sale dell’ambasciata Argentina è andato in scena Evita, ay che vida, un recital sulla storia di Eva Perón e sulle vicende politico-sociali che segnarono il suo Paese.

Protagonista solista, nonché regista e autrice dell’opera, l’artista italo-argentina Sonia Belforte, che oltre ad avere all’attivo lavori di speakeraggio, doppiaggio e partecipazioni nella compagnia teatrale Assemblea Teatro di Torino e in film e fiction, recita e canta in monologhi biografici, quali Tango adentro, Salsa Argentina e Me voy a Europa.
Il viaggio attraverso le dolorose pieghe della vita di Evita parte da un’infanzia sofferente e disagiata sino all’arrivo nella grande metropoli, Buenos Aires, dove, impegnata a restituire la dignità agli umili, diventa icona indiscussa della difesa dei diritti umani e leader dei descamisados. Dal sogno comune di diventare attrici e affrancarsi da un’infanzia infelice, Sonia Belforte scorge teneri e commoventi incroci di vite che percorrono sentieri inaspettatamente paralleli e che si dispiegano in un dialogo intimo, a tratti ironico e disincantato, ma sempre profondamente nostalgico, sulla scia dei ricordi.
L’entusiasmo di un pubblico riunitosi in occasione del workshop dedicato dall’Ambasciata ai tour operator italiani si vivifica con la voce appassionata di Sonia Belforte che canta l’Argentina, la sua Argentina e quella di Mercedes Sosa, espressioni di un sentimento misto di amore e dolore per la propria terra.
Evita muore a soli 33 anni e il suo corpo è il primo desaparecido che apre tragicamente l’epoca di una spietata dittatura militare. Tuttavia la fase finale del recital si apre alla speranza, al cambiamento e al futuro. La voce di Sonia Belfiore è quella di una nuova Argentina, che ancora ringrazia la vita con le parole di Violeta Parra ma anche quella che, nell’indimenticabile Todo cambia riafferma, ora lontana, l’amore incondizionato per la prorpia terra:
Pero no cambia mi amor
Por más lejo que me encuentre
Ni el recuerdo ni el dolor
De mi pueblo y de mi gente.

Lo spettacolo è andato in scena
Ambasciata Argentina

Piazza dell’Esquilino, 2
il 28 maggio, ore 19

Evita, ay que vida!
scritto, diretto e interpretato da Sonia Belfiore
musiche eseguite dal vivo da Alejandro Duca

6,00

Check Also

L’albero di Natale

Al teatro Golden dal 22 novembre al 18 dicembre è stato messo in scena L’albero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi