Frida Kahlo "> Frida Kahlo

Frida Kahlo

Frida Kahlo, articolo di "Alessandra Vasaturo" su Persinsala Teatro
Home | Performing Arts/Prosa | Frida Kahlo
Frida Kahlo
Frida Kahlo

Frida Kahlo
Recensioni/Articoli di

Frida Kahlo arriva al TRAM di Napoli e ci permette di entrare nelle pieghe del suo animo, conducendoci per mano attraverso passioni, amori e dolori. Complice l’ondata di nuovo femminismo che sta investendo parte del globo, alcuni personaggi riconosciuti – a ragione o meno – quali simboli del movimento, hanno visto seconda gloria. Tra questi …

Oltre l’artista c’è di più

Leggi la Recensione Frida Kahlo

Frida Kahlo arriva al TRAM di Napoli e ci permette di entrare nelle pieghe del suo animo, conducendoci per mano attraverso passioni, amori e dolori.

Complice l’ondata di nuovo femminismo che sta investendo parte del globo, alcuni personaggi riconosciuti – a ragione o meno – quali simboli del movimento, hanno visto seconda gloria. Tra questi spicca Frida Kahlo, pittrice dall’animo inquieto e appassionato, ricordata, oltre che per le sue lotte e le sue opere, per la storia d’amore tormentata con Diego Rivera. Negli ultimi anni, sul mercato, si sono perciò riversati graphic novel, film, spettacoli, testi, bambole e accessori, che l’hanno resa più nota di quanto forse non lo sia mai stata. Insomma, Frida Kahlo è di gran moda, come dimostrano anche le esposizioni a lei dedicate. In questo filone si inserisce lo spettacolo andato in scena al TRAM in due tranche diverse (febbraio e marzo) e titolato semplicemente Frida Kahlo.

Il suo focus è sulla donna, prima ancora che sull’artista, perciò a essere al centro è soprattutto la sua relazione travagliata col pittore plurifedifrago Rivera. A vestirne degnamente i panni sono, rispettivamente, Titti Nuzzolese e Peppe Romano che, incastonati su di una scena scarnissima, affidano ai dialoghi lo sviluppo del disfunzionale rapporto tra gli artisti. Condensare anni di passione, tumulti, tradimenti e riappacificazioni, contestualizzandoli e dandogli cornice anche un po’ più ampia non era semplice. Il materiale era davvero ampissimo, ma l’operazione di riduzione riesce e, non tradendo la realtà, lo spettacolo centra l’obiettivo e consegna al pubblico una storia lineare ed essenziale, ottimo punto di partenza per avvicinarsi alla vita della Kahlo. Poco aggiunge invece a chi, affascinato dalla sua figura, ha già abbondantemente fruito del materiale che la riguarda.

Lodevole l’essere riusciti a mettere in luce i punti di “debolezza” di una donna che, presentata spesso come forte e libera, era invece prigioniera di un insano sentimento e schiava di una passione invalidante.

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro TRAM
Via Port’Alba 30 – Napoli
6-7-9-16 Febbraio e 22-23 Marzo 2018

Frida Kahlo
con Titti Nuzzolese, Peppe Romano
scritto e diretto da Mirko Di Martino
aiuto regia Angela Grimaldi
produzione Teatro dell’Osso
in collaborazione con Vissi d’arte

3,00

Check Also

125 Ranavuotto

Ranavuottoli (Le Sorellastre)

Al Piccolo Bellini di Napoli si rilegge la storia di Cenerentola, con uno spettacolo che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi