I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo "> I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo

I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo

I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo, articolo di "Alessandro Alfieri" su Persinsala Teatro
Home | Concerti | I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo
Foto Dell Aula Magna
Foto Dell Aula Magna

I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo
Recensioni/Articoli di

Per il ciclo dei concerti all’Aula Magna dell’Università Sapienza di Roma, l’Ensemble Barocco di Napoli dà vita a una splendida serata all’insegna dei grandi maestri della musica barocca. Lo spirito della cultura europea visse una fase di trasformazione determinante nel corso del XVII secolo; per alcuni si tratta dell’avvento della modernità, declinabile in numerosi modi, …

Navigare tra le note della storia agli albori della modernità

Leggi la Recensione I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo

Per il ciclo dei concerti all’Aula Magna dell’Università Sapienza di Roma, l’Ensemble Barocco di Napoli dà vita a una splendida serata all’insegna dei grandi maestri della musica barocca.

Lo spirito della cultura europea visse una fase di trasformazione determinante nel corso del XVII secolo; per alcuni si tratta dell’avvento della modernità, declinabile in numerosi modi, dalle rivoluzioni scientifiche a Shakespeare, e questa nuova alba della storia dell’umanità sfociò nella palese concretizzazione storica delle rivoluzioni del Settecento. Per comprendere meglio questo contesto, è impossibile non fare riferimento al movimento artistico che toccò diverse modalità espressive mettendo in evidenza gli elementi innovativi e rivoluzionari, connessi al paradosso di fondo di esaltazione stilistica ed esuberante della forma da un lato, introspezione, horror vacui e terrore di Dio dall’altro. Perciò Caravaggio, Bernini, ma anche Borromini e il teatro.

In questo quadro, la musica barocca è particolarmente significativa; innanzitutto perché la musica barocca si diffonde qualche anno più tardi rispetto alle visioni artistiche: gli anni della musica di Vivaldi e Telemann sono infatti i primi del XVIII secolo, e in qualche maniera alla dimensione più espressiva e “drammatica” già si coniuga il rigore scientifico-matematico che caratterizzerà l’Illuminismo. Forse, per comprendere ancora meglio tale complessità la metafora più efficace è quella del “mare”, e lo sa bene l’Ensemble Barocco di Napoli che per il concerto presso l’Aula Magna dell’Università Sapienza di Roma non a caso ha pensato al titolo esaustivo I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo. Grazie alle straordinarie esecuzioni del flauto dolce di Tommaso Rossi e del violoncello di Adriano Maria Fazio, il concerto ha messo in connessione questi tre elementi: il mare, il viaggio e la musica barocca. Il mare, impetuoso, sempre in movimento, che può apparire terribile ma anche soave e quietamente divino; in questo mare il viaggio, che trova una dimensione effettiva dovuta ai grandi spostamenti che gli artisti di quella stagione compirono portando la loro arte nei vari punti dell’Europa, ma anche e soprattutto viaggio come scoperta, sfida al mare stesso; in questi due elementi, si inserisce la composizione barocca, strutturata sul predominio di uno strumento a volte, altre volte capace di inscenare vere e proprie sfide duali tra gli strumenti. Le opere di Nicola Fiorenza, Giuseppe Sammartini e Georg P. Telemann ci conducono in una dimensione affascinante, persino esotica; il vero protagonista della serata è però Antonio Vivaldi: tra i vari concerti eseguiti, spicca Il Gardellino, opera che pare ispirata al canto degli uccelli e che dimostra tutta l’inventività del genio veneziano.
Un viaggio nel tempo e nel mare a bordo del clavicembalo e del fagotto, nella tempesta di note del flauto e dei violini: esibizione e testimonianza di un’epoca decisiva per la storia moderna.

Lo spettacolo è andato in scena:
Aula Magna Università Sapienza di Roma
P.le Aldo Moro, 5 – Roma
martedì 13 febbraio, ore 20.30

Istituzione Universitaria Concerti e Ensemble Barocco di Napoli presentano
I viaggi del Barocco: la musica nelle capitali del mare Napoli, Venezia, Londra e Amburgo
Sinfonia in la minore per flauto, due violini e basso di Nicola Fiorenza
Concerto in do minore per violoncello, archi e basso continuo RV 401 di Antonio Vivaldi
Concerto in fa maggiore per flautino, archi e basso continuo di Giuseppe Sammartini
Concerto in re maggiore RV 428 (Il Gardellino) di Antonio Vivaldi
Concerto in si minore per violoncello,a rchi e basso continuo RV 424 di Antonio Vivaldi
Concerto in fa maggiore per flauto, fagotto, archi e basso continuo TWV 52: F1 di Georg P. Telemann

Flauti dolci Tommaso Rossi
Violoncello Adriano Maria Fazio
Violini Rossella Croce, Lathika Vithanage
Viola Ottavia Rausa
Fagotto Giovanni Battista Graziadio
Contrabbasso Matteo Coticoni
Clavicembalo Guido Morini

5,00

Check Also

Tarasov005 Maxi 678x381

Intuitus / Flux. Festival lituano delle Arti

Tarasovas, Mockūnas e Kanevičius, maestri della scena jazz sperimentale lituano, offrono all’Auditorium Parco della Musica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi