Cabala – Trilogia della memoria #1

Incontriamo Caterina Gramaglia e Rosa Morelli allo Studio Uno in occasione di Cabala, primo step della Trilogia della Memoria che, dal 4 al 7 febbraio, proseguirà con l’inedita fusione di The White Room e Le lacrime di Giulietta in un unico spettacolo.

Se «un’indagine obiettiva della psiche è impossibile», lo è nella misura in cui «non ci si sforza di mettere rigorosamente in atto il principio fenomenologico» citando Jung, autore particolamente amato dalla Gramaglia. Ed è proprio una fenomenologia della Memoria, una drammaturgia volta a rappresentare nella concretezza di un allestimento l’essenza di stati fondamentali della coscienza, che sembra annunciarsi in questa Trilogia, allo Studio Uno di Torpignattara dal 28 gennaio al 7 febbraio.

Declinando in una dimensione più ampia quanto The White Room sussumeva nella dimensione dell’interiorità più intima, la Gramaglia e la Morelli ci raccontano come il progetto nasca da quella che si presenta come una limpida, pur profondissima e di complessa concettualizzazione, intuzione: utilizzare l’unico strumento a disposizione, l’arte, per dar forma e visione a ciò che, con lacerante paradossalità, è per il nostro io cosciente costitutivamente sfuggente e condizionante. Ovvero la Memoria intesa come questione privata e collettiva, Storia in cui dimora l’umanità di ogni individuo.

Sarà l’occasione per conoscere e (com)partecipare in fieri a un metodo di lavoro capace di assimilare all’intenzione artistica portati culturali di altissimo livello e di farlo con infinita naturalezza, applicato nel caso specifico per destrutturare un momento empirico attraverso l’esoterismo della Cabala e le metafisiche delle Sephirot, «l’evento storico che ha riscritto la storia della comunità ebraica romana: 16 ottobre 1943, data del rastrellamento del ghetto».

Letteralmente in scena, ad accompagnare Caterina Gramaglia, saranno le musiche dal vivo del polistrumentista Edù Nofri e i video di Carolina Ielardi, per un’esperienza, personalmente di estremo fascino e interesse, con cui provare a costituire un Dialogo Critico all’insegna di una dialettica attiva e costruttiva.

Daniele Rizzo

Teatro Studio Uno
via Carlo della Rocca 6, Roma
dal 28 gennaio al 31 gennaio
ore 21:00, domenica 18:00

Cabala
l’inizio, il principio, la vibrazione, la ricevuta
progetto di Caterina Kokoro Gramaglia e Rosa Asor Morelli
con Caterina Gramaglia e Edù Nofri
video Carolina Ielardi
fonica/luci Martin Emanuel Palma
con la collaborazione Sycamore T Company
residenza 2015-2016 Teatro Studio Uno
progetto di critica residente in collaborazione con Persinsala Teatro
terzo capitolo della Trilogia della Memoria (The White RoomLe lacrime di GiuliettaCabala)
prima assoluta

Posted in Gennaio, Teatro Studio Uno and tagged , , , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *