Nudità

Centrale Preneste Nudità

Tra Agamben e Kafka, in scena la Nudità di Roberta Nicolai con quattro giovani artisti, che dal 12 al 14 ottobre hanno debuttato a Centrale Preneste in prima nazionale. Il crepitio della pioggia accompagna il silenzio che presenta i quattro protagonisti al centro della scena; impersonano un padre, una madre, un figlio e una figlia, …

8,00 su 10
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars

Identità spogliate

8,00 su 10
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars

Tra Agamben e Kafka, in scena la Nudità di Roberta Nicolai con quattro giovani artisti, che dal 12 al 14 ottobre hanno debuttato a Centrale Preneste in prima nazionale.



Il crepitio della pioggia accompagna il silenzio che presenta i quattro protagonisti al centro della scena; impersonano un padre, una madre, un figlio e una figlia, ma le loro identità sono confuse, intervallate, sono gesti che vanno interpretati come una poesia che si fa prosa. Ognuno è figlio e padre, figlia e madre. I confini individuali sono continuamente in costruzione e il tempo non ha un andamento lineare.
Sul palco, con essi, gli oggetti essenziali che compongono una casa, quattro materassi, stoviglie e delle mele, che verranno morse, mangiate e tagliate a pezzi. Il frutto del peccato qui ha il colore della speranza, è verde, rappresenta il cibo, la tavola attorno alla quale si riunisce la famiglia, quella che può essere premurosa, ma anche quella dove l’educazione a volte può essere letta come un danno, come una serie di rimproveri, che sommati a tutti quelli assorbiti dalla società portano l’uomo a non avere più un’identità e a ricercarla in uno specchio.
«Mi guardo allo specchio…» diranno uno a uno – in momenti diversi – i quattro bravissimi interpreti «…e non ho alcun piano, alcuna previsione, non posso entrare nell’avvenire… posso solo soccombere… progetti e previsioni non ne ho». C’è spaesamento, follia, voglia di libertà, ma soprattutto voglia di vivere, nei gesti, nel lessico e nei tratti somatici di questa “famiglia” che è metafora della malattia.
Lo spettacolo prodotto da Hikari produzioni, co-prodotto da Triangolo scaleno teatro in collaborazione con Kollatino Underground, fa parte di un trittico che è un’indagine sul sentimento e il significato dello spaesamento dell’uomo contemporaneo e a sua volta è composto da un quadro che elabora, unendolo, un procedimento teorico di un testo filosofico – in questo caso appunto Nudità di Agamben – con un nodo narrativo, nello specifico La metamorfosi di Kafka.
Corse, corpi che si toccano, che abitano stanze strette della casa, corpi che si rivestono e si svestono, ricordi e desideri urlati, la tavola che si ribalta e materassi che diventano tavole da surf su cui annegare i pensieri. Il teatro contemporaneo prende corpo in tutto e per tutto.
Alla radio Le Vibrazioni intonano «vado via per difendermi» mentre altre vibrazioni invadono il fisico e la mente e gridano «Non posso vivere… Io devo vivere». L’uomo è messo a nudo, anima e corpo e l’arte respira una nuova aria, che gela lo spettatore, ma riscalda il cuore.

Lo spettacolo è andato in scena:
Centrale Preneste – Teatro per nuove generazioni
via Alberto da Giussano, 58 – Roma
da venerdì 12 a domenica 14 ottobre, ore 21.00
(durata 1 ora circa senza intervallo)

Hikari produzioni, Triangolo scaleno teatro e Kollatino Underground presentano
Nudità – Trittico dello Spaesamento (2° quadro la metamorfosi)

ideazione, drammaturgia e regia Roberta Nicolai
con Michele Baronio, Rosa Palasciano, Valerio Peroni, Arianna Veronesi
costumi e scene Andrea Grassi
disegno sonoro Gianluca Stazi
disegno luci Gianni Staropoli
scenotecnica Claudio Petrucci



Leggi anche

centro di gravità

Centro di gravità permanente

Storie di crisi quotidiana, eppure estrema, torneranno in scena nella stagione del  Teatro Abārico con ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

>
[%%LINKS%%]