Pepe / La Scena Sensibile 2014 "> Pepe / La Scena Sensibile 2014

Pepe / La Scena Sensibile 2014

Pepe / La Scena Sensibile 2014, articolo di "Daniele Rizzo" su Persinsala Teatro
Home | Altrinsala | Pepe / La Scena Sensibile 2014

Pepe / La Scena Sensibile 2014
Recensioni/Articoli di

L’affresco di due umanità speciali della sezione femminile del carcere di Civitavecchia. Su questo essenziale canovaccio si snoda questo semplice e profondissimo spettacolo, inserito all’interno della XX edizione di La Scena Sensibile, la rassegna del Teatro Argot di Roma a cura di Serena Grandicelli. Un’unica interprete, Laura Riccioli (che ha scritto, diretto e intepretato il …

«Anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti»

Leggi la Recensione Pepe / La Scena Sensibile 2014

argot-romaL’affresco di due umanità speciali della sezione femminile del carcere di Civitavecchia. Su questo essenziale canovaccio si snoda questo semplice e profondissimo spettacolo, inserito all’interno della XX edizione di La Scena Sensibile, la rassegna del Teatro Argot di Roma a cura di Serena Grandicelli.

Un’unica interprete, Laura Riccioli (che ha scritto, diretto e intepretato il testo) per due personaggi, la discente Espedita Pepe e l’insegnante Vita.  Vicine ma lontane per il modo di vivere un ambiente di reclusione (costretta la prima, per mestiere la seconda), in Pepe e Vita non ritroviamo solamente la testimonianza di uno straordinario percorso pedagogico condotto con donne tutt’altro che semplici da gestire.

Infatti, accanto alla creazione di un reale momento di condivisione e formazione – fatto di elementi primordiali e ancestrali come il ritmo e la musica – sono evidenti intuizioni drammaturgiche di assoluto valore e su cui lavorare per far crescere uno spettacolo già interessante e a tratti incantevole.

Ne citiamo due su tutte. La prima è il classico espediente teatrale del doppio messo in atto attraverso laceranti conversazioni a una sola voce che, accanto al monologo di Espedita, esprimono di lei l’assordante e silente tragedia interiore. Una doppiezza annunciata fin dall’introduzione con il racconto di quel passaggio attraverso porte e cancelli che simboleggia il senso di trasformazione e immersione in un mondo alieno e diversamente vissuto da entrambe le protagoniste.

La seconda svela potenti echi shakespeariani e si palesa, invece, nella costruzione di due personalità in grado di creare mondi reali attraverso il potere dell’arte. Una condizione e una attività, quella di demiurga, che Laura Riccioli svolge realmente e non solo teatralmente, quasi a ribadire ulteriormente il parallelismo con il Prospero de La tempesta

È, dunque, labile il confine tra l’operazione artistica e la testimonianza civile, perché mai come in un caso come questo la forma artistica si pone a protezione di un contenuto sociale e demolisce definitivamente, qualora ce ne fosse ancora bisogno, l’ipocrita principio dell’arte per l’arte.

Proprio per questo motivo scegliamo di concludere, parlando della vera e assoluta protagonista della serata: la Casa Circondariale di Civitavecchia, struttura penitenziaria intitolata a Giuseppe Passerini, agente morto nel 1974 nel tentativo di sventare l’evasione di un detenuto, e caratterizzata da quasi tutti i mali endemici delle carceri italiane: sovraffollamento, carenza di polizia penitenziaria, sperequazione tra presenza di stranieri e di mediatori culturali.

E, condividendo l’accusa forte e chiara che lo spettacolo pone nei confronti della natura opaca e non pubblica del carcere, a essa ci riferiamo non in termini di istituzione quanto in quelli di contesto in cui – a torto o a ragione – esseri umani possono trovarsi a vivere, come nel caso delle numerose donne (in gran parte non comunitarie) che la popolano, spesso sfruttate come corrieri della droga e, dunque, a pieno titolo vittime ideologiche dell’opulento e moralistico occidente.

Una situazione drammatica e aggravata dal mancato inquadramento nel personale dell’amministrazione della casa di reclusione di tutti quei soggetti che operano a livello culturale, tra le quali troviamo proprio l’Associazione Sangue Giusto che da anni cerca di «divulgare la conoscenza e l’esercizio del teatro, del canto, della danza e delle arti visive come mezzi di recupero sociale», e di cui abbiamo ammirato questo Pepe, spettacolo «ispirato al lavoro di docenza nelle carceri svolto dalla Associazione» e «frutto degli incontri avvenuti durante sei anni di insegnamento di teatro e pittura nel carcere», .

Una attività artistica e di impegno sociale da sostenere, nonostante la miopia che coinvolge una politica che sa solo tagliare (male) e una società civile sensibile solo quando vengono toccati i propri diretti interessi.

Un lungimirante progetto che deve continuare a ogni costo.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno di Scena Sensibile:
Teatro Argot

via Natale del Grande, 27 – Roma (Trastevere)
sabato 21 marzo, ore 21.00

Pepe
scritto e interpretato da Laura Riccioli
supervisione alla messa in scena Alberto Bellandi, Sarah Sammartino
fonica Massimo Cicchinelli

9,00

Check Also

Riccardo Brunetti

Riccardo Brunetti

«Una suggestione giovanile» che diventa «una folgorazione adulta», Riccardo Brunetti ci parla del meraviglioso mondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi