News e comunicati

›› ››

Se mi avessero detto…

Se mi avessero detto…

Se mi avessero detto…semiavesserodetto
Voto dei lettori: 8,00 su 10
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

Fatti di gente perbene

Voto dei lettori: 8,00 su 10
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars

teatro-belli-romaAl teatro Belli di Roma dal 4 al 15 dicembre è in scena Se mi avessero detto…, una divertente e grottesca commedia di Gianni Guardigli diretta da Giuseppe Venetucci. Protagoniste due coppie accomunate dall’ipocrisia che si ritrovano a condividere lo stesso spazio per circostanze diverse.

Clara (Nunzia Greco), impiegata ministeriale, ed Ettore (Piergiorgio Fasolo), piccolo imprenditore, si trovano in questura perché il loro unico figlio Manfredi, amatissimo e viziatissimo, ha cosparso di benzina un clochard dello Sri Lanka, dopo averlo derubato di 7,80 euro.
Ogni loro certezza crolla di fronte a questo evento che ferisce il loro orgoglio di genitori perfetti, almeno fino al momento in cui non emergono incomprensioni sempre sopite e racchiuse nell’intimo.
Un’altra coppia formata da Orsetta (Evelina Nazzari) e Paolo (Alessandro Pala), un’attrice e un giornalista di un famoso quotidiano, che si troverà faccia a faccia successivamente con i coniugi Lodi, viene convocata perché la madre ottantaquattrenne della donna è stata accusata di un insolito furto: ha rubato provette per l’urina in una asl.
Le premesse per una commedia ironica ci sono tutte, ma le risate sono condite d’amarezza essendo il copione ricco di tanti elementi che si ricollegano alla realtà che viviamo quotidianamente.
La scenografia, formata da pareti-cornici mobili sulle quali sono rappresentati i volti della politica, del clero, della televisione, del cinema e della cultura più noti (tra cui anche quello di Nelson Mandela scomparso in questi giorni), ci consegna così la fotografia di un’Italia macchiata di ipocrisia e mediocrità dove ognuno addita l’altro senza assumersi responsabilità.
Frustrazioni personali sfociano in titoli da prima pagina in cui si leggono razzismo, truffa, inganno, tragedie legate all’emigrazione e soprattutto perdita d’identità dovuta all’inseguimento di un falso mito.
Un marito rimproverato dalla moglie anche con i silenzi, una donna che non scrive bensì pensa, e cellulari che suonano all’unisono scuotono dunque lo spettatore che in molte di quelle frasi dette e non dette si ritrova e può affiancare la propria immagine alle tante famose, come fosse il profilo di un social network in cui esporsi senza però comunicare.
Se mi avessero detto…, in scena fino al 15 dicembre al teatro Belli di Roma con la regia di Giuseppe Venetucci, è uno spettacolo che colpisce per la bravura degli attori e per i momenti di grande riflessione che pizzica tutte le corde dei presenti.
In maniera grottesca viene così rappresentata la crisi dell’individuo moderno consapevole di avere una data di scadenza e che di fronte al conto che la vita può presentargli è pronto a darsi “del tu” per non sentirsi schiacciato dalla morsa della solitudine.

- se mi avessero detto...

- se mi avesserodetto...

Lo spettacolo continua:
Teatro Belli
Piazza Sant’Apollonia 11/A – Roma
fino a domenica 15 dicembre
orari: da martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 17.30
(durata 1 ora senza intervallo)

Studio 12 diretto da Isabella Peroni e Tavole da palcoscenico presentano
Se mi avessero detto…
di Gianni Guardigli
regia Giuseppe Venetucci
con Piergiorgio Fasolo, Nunzia Greco, Evelina Nazzari, Alessandro Pala
scene e costumi Alessandro Chiti
luci Roberto Tamburoni
foto Guillermo Luna

Hai letto: Se mi avessero detto…scritto il 10/12/2013 da

Parole chiave:

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

>