…ed è subito sera

Cinque nuovi appuntamenti al Teatro degli Arcimboldi con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali offrono al pubblico alcuni tra i più grandi capolavori della musica romantica, per un tuffo in pieno Ottocento.

Sulla scia del successo della scorsa stagione – in cui l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali ha proposto l’integrale delle Sinfonie di Beethoven in quattro serate, più un appuntamento speciale dedicato al Concerto per violino e orchestra e alla Sinfonia n. 5 di Tchaikovskij – anche per quest’anno la Fondazione ha pensato di realizzare cinque concerti straordinari in chiusura alla Stagione Sinfonica.

Il filo conduttore è la musica romantica, partendo proprio da Tchaikovskij, in una sorta di passaggio di testimone dal fortunato esperimento del 2010 alla programmazione di questo 2011; ancora una volta viene proposta una Sinfonia – la quarta – ma non solo: nella stessa serata – quella di apertura del 7 giugno – anche l’ouverture fantasia Romeo e Giulietta – famosa anche tra il grande pubblico per i suoi temi dalla grande cantabilità – e le Variazioni su un tema rococò per violoncello e orchestra – una vera perla tra le composizioni dell’autore russo – eseguite per l’occasione da Enrico Dindo, uno tra i maggiori violoncellisti italiani e vincitore, nel 1997, del Concorso Rostropovic di Parigi.
Se si scorre il programma, si nota che la formula del “solista con orchestra” è una prerogativa di ogni appuntamento che si alterna, all’interno della serata, a brani sinfonici. Un ottimo modo per avvicinare il grande ed eterogeneo pubblico – anche quello più giovane – non solo all’attività dei Pomeriggi Musicali, ma anche ai singoli strumenti e ai loro interpreti. Vedremo quindi succedersi sul palco: il pianoforte di Francesco Piemontesi per il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Brahms – vera pietra miliare del romanticismo tedesco, titanico per bellezza e proporzioni – e quello di Giuseppe Albanese per il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di Liszt – di cui quest’anno ricorre il bicentenario dalla nascita. Il violino della giovane Laura Marzadori sarà invece il protagonista del terzo appuntamento, il 16 giugno, con il Concerto per violino e orchestra op. 64 di Mendelssohn, e il corno – strumento particolare, amato profondamente dalla generazione romantica – suonato da Alessio Allegrini, offrirà il raro Concerto n. 1 per corno e orchestra di Strauss, di cui sarà senz’altro interessante l’ascolto.

Dedicati solo alla formazione dei Pomeriggi Musicali saranno invece capolavori quali la Sinfonia n. 4 di Brahms, la suite Sogno di una notte di mezza estate di Mendelssohn e la Sonfonia “dal Nuovo Mondo” di Dvorak, solo per fare alcuni esempi. Un concentrato di musica che esalta al massimo grado le timbriche degli strumenti e che fa percepire all’ascoltatore tutti i grandi temi del Romanticismo: l’amore, la morte, l’infinito e quell’universo di emozioni interiori che muovono l’animo ‘Sturm und drang’.

Va altresì sottolineato che la scelta degli interpreti, tra i migliori del panorama musicale italiano, è garanzia – almeno sulla carta – di esecuzioni di ottimo livello.
Il consiglio è quindi di apprestarsi all’ascolto e farsi trascinare nel vortice della musica, sperando che il successo e la partecipazione di pubblico siano quelli dell’anno passato.

5 Concerti di Musica Romantica con i Pomeriggi Musicali
Teatro degli Arcimboldi
via dell’Innovazione, 20 – Milano
da martedì 7 a domenica 26 giugno, ore 21.00

Calendario:
martedì 7 giugno, ore 21.00
Tchaikovskij:
Romeo e Giulietta, ouverture-fantasia
Variazioni su un tema rococò, per violoncello e orchestra
Sinfonia n. 4
direttore Aldo Ceccato
violoncello Enrico Dindo

sabato 11 giugno, ore 21.00
Brahms:
Concerto n. 2, per pianoforte e orchestra
Sinfonia n. 4
direttore Antonello Manacorda
pianoforte Francesco Piemontesi

Giovedì 16 giugno, ore 21.00
Mendelssohn: Concerto per violino e orchestra
Sogno di una Notte di Mezza Estate, suite
direttore Andrea Battistoni
violino Laura Marzadori
Coro di Voci Bianche del Teatro alla Scala

Martedì 21 giugno, ore 21.00
Wagner: I maestri cantori di Norimberga, ouverture
Strauss: Concerto n. 1, per corno e orchestra
Dvorák: Sinfonia “dal Nuovo Mondo”
Direttore Antonello Manacorda
Corno Alessio Allegrini

Domenica 26 giugno, ore 21
Verdi: I Vespri siciliani, ouverture
Liszt: Concerto n. 1, per pianoforte e orchestra
Musorgskij-Ravel: Quadri di una esposizione
direttore Aldo Ceccato
pianoforte Giuseppe Albanese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.