Al teatro Franco Parenti va in scena lo sport maschile per eccellenza e, protagoniste di una storia diversa, sono le donne.

È curioso che, mentre fuori dal Franco Parenti, Milano era in fermento per la sfida di Champions, Milan – Manchester, un teatro gremito ascoltasse la storia – vera –  della sconosciuta squadra di calcio del Calais con una spiritosa quanto emozionante Marianella Bargilli – qui nel suo primo monologo – a ripercorrere la storica scalata della classifica di questa squadra di provincia verso la finale del torneo di Francia.

Calais è una cittadina d’Oltralpe considerata di passaggio, uno di quei paesi dove la vita scorre sempre uguale. Ma nel 2000 qualcosa cambia. Cambia il vento – recita il testo – e questo vento si sente in teatro: l’atmosfera si risveglia dal suo torpore di lunghe giornate uguali a se stesse, mentre Calais si rianima e prende vita. E tutto ciò è possibile grazie a una squadra di calcio. Pare strano da credere, al giorno d’oggi, quando andare allo stadio è come barricarsi in trincea, eppure il Calais ha saputo ricreare quello spirito – forse ormai perso? – del gioco. Sbaragliando tutte le avversarie riesce ad arrivare alla finale a Parigi, portando in campo ragazzi comuni – dilettanti. Ragazzi che di giorno lavorano al supermercato e la sera vanno ad allenarsi. Storia che, si intuisce, è metaforicamente applicabile anche al di fuori di un campo da calcio. La storia di Calais è infatti quella della gente semplice, di chi ancora sa emozionarsi per poco, è la storia fatta di grandi sogni, speranze e quei 15 minuti di notorietà che Andy Warhol aveva preannunciato sarebbero stati concessi a tutti.

“Pollicino che si mangia il gigante quotato in borsa”: così le testate dei più importanti quotidiani francesi definiscono quanto sta accadendo. Il gigante quotato in borsa è il Cannes, squadra di star e superstar – ma può anche essere inteso come il calcio in senso generale, fatto di copertine, tv e contratti milionari. Calais è Pollicino: i suoi giocatori sono ragazzi comuni, che nel calcio ci mettono tutta la passione e il senso di appartenenza che fanno di una squadra una vera squadra.

La Bargilli ripercorre, accompagnata da un trio d’archi, i giorni precedenti alla grande finale. Il ritmo è sempre più incalzante, si sperimentano: il fermento cittadino, le ansie, le aspettative, il senso di unione e la gioia della festa. Naturalmente ci si aspetta il lieto fine, ma la storia non sempre va come si vorrebbe. Il Calais perde, eppure gli spettatori che ascoltano questa storia – quasi fossero sugli spalti a gridare: «Alè Calais!» –  non rimarranno con l’amaro in bocca. Il gran finale c’è, basta vedere oltre. I giocatori del Calais alzeranno la coppa insieme ai campioni del Nantes, insegnando cosa sia il vero sport, ma soprattutto che i sogni, anche quelli grandi, sono alla portata di tutti.

Spesso per imparare qualcosa si guarda al passato, agli eroi, ai miti e alle grandi imprese, eppure anche nel semplice vivere quotidiano sono nascosti degli insegnamenti. L’entusiasmo e l’emozione che questo spettacolo comunica è merito sicuramente del testo scritto con sensibilità da Osvaldo Guerrieri; e della bravura della regista, una donna – Emanuela Giordano – che ha saputo mettere in scena questa avventura avvalendosi di un’unica attrice e pochi strumenti musicali. Ma soprattutto della delicatezza recitativa di Marianella Bargilli, accompagnata da Claudia Della GattaGabriele CurciottiStefano Marzolla, a dimostrazione, ancora una volta, che il lavoro di “squadra” porta lontano.

Lo spettacolo continua:
Teatro Franco Parenti

via Pier Lombardo, 14  – Milano
Fino a domenica 28 Febbraio: da martedì a sabato ore 20.30 – festivi ore 16.00

Alè Calais
di Osvaldo Guerrieri
con Marianella Bargilli
regia di Emanuela Giordano
musiche di Bubbez Orchestra eseguite dal vivo da: Claudia Della Gatta (violoncello), Gabriele Curciotti (chitarra), Stefano Marzolla (contrabbasso)
produzione Teatro Stabile di Calabria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.