L’enigma della memoria

Va in scena, fino a domenica 20 gennaio, al Teatro della Cooperativa, il nuovo spettacolo di Max Pisu che, dopo il successo di Nudi e Crudi, torna sul “luogo del delitto” per regalare al pubblico un’esilarante prova comica.

Amnesie è un monologo divertente e ben costruito che s’ispira alla quotidianità. Pisu è solo in scena ma ad accompagnarlo ci sono i personaggi immaginari con i quali finge di dialogare. È a questi invisibili interlocutori che Max si rivolge e sono i loro silenzi ad accrescere la comicità delle battute. Il palco si trasforma così in uno specchio, dove ogni spettatore può vedere riflessi alcuni momenti della propria vita che, osservati dalla platea, rivelano tutto il loro contenuto surreale. Sono i pregiudizi, le paure, le abitudini e le situazioni che, più spesso, si ripetono nelle vite degli uomini a essere osservati dall’occhio del comico lombardo, che è attento a coglierne le contraddizioni e bravo a portarne sul palco la disarmante banalità.

Per farlo, Max Pisu sceglie di svestire i panni di Tarcisio – il personaggio che lo ha reso popolare a Zelig – per indossare quelli più sobri e meno appariscenti che richiede il suo nuovo ruolo. Quella vista al teatro della Cooperativa è una versione inedita dell’artista che piace e convince più di quella televisiva. Il suo stileè più asciutto ed essenziale e non lascia spazio a travestimenti o tormentoni. La sceneggiatura, scritta con Riccardo Piferi, scorre lineare fino alla fine senza affievolire la sua intensità comica.

La struttura dello spettacolo, che si articola in diversi quadri, sembra riprendere l’enigma che la sfinge, posta all’ingresso della città di Tebe, poneva ai passanti: «Qual è quell’animale che al mattino ha quattro zampe, a mezzogiorno ne ha solo due e la sera tre?». La performance, infatti, si apre con la rievocazione dei primi giorni della vita di un neonato, passa a raccontarne la vita adulta – con i vari luoghi comuni – e si chiude infine con i pensieri e le riflessioni degli anziani. Quello della memoria, del resto, è il tema chiave di Amnesie e ritorna in tutte le scene. Dimentichiamo ciò che ci causerebbe troppo dolore ricordare? Cancelliamo ciò che non ci riguarda perché sprofondiamo nel nostro egoismo? Perché dovremmo sforzarci di ricordare quello che ci dicono gli altri? Non ha dubbi Max Pisu, che ci avvisa: se solo provassimo ad ascoltare, rideremmo di molto di più.

Lo spettacolo continua:
Teatro della Cooperativa
via Hermada, 8 – Milano
fino a domenica 20 gennaio
orari: da martedì a sabato, ore 20.45 – domenica, ore 16.00
 
Amnesie
di Riccardo Piferi e Max Pisu
con Max Pisu
regia Riccardo Piferi
musiche originali Franco Serafini
voci fuori campo Tania De Domenico e Martino Gonnelli
produzione: Mat & Teo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.