Evening Programme, Anatoly Vasiliev with his carte blanche

Segnaliamo con piacere la notizia.

Mercoledì 15 maggio alle ore 11 nella Sala del Consiglio Comunale Comune di Pontedera, Palazzo Stefanelli, in corso Matteotti 37.
Alla cerimonia per il conferimento della Cittadinanza onoraria al russo Anatolij Vasil’ev, insigne regista e pedagogo teatrale, la cittadinanza onoraria da parte del Sindaco di Pontedera, Simone Millozzi.

Anatolij Vasil’ev, maestro del teatro europeo, cittadino onorario di Pontedera

Il Sindaco di Pontedera rinnova una tradizione quasi ventennale di riconoscimenti a grandi maestri delle arti, conferendo al russo Anatolij Vasil’ev, insigne regista e pedagogo teatrale, la cittadinanza onoraria.

La cerimonia avrà luogo mercoledì 15 maggio alle ore 11 nella Sala del Consiglio comunale.

Ricordiamo che il primo maestro del teatro, cittadino onorario di Pontedera, è stato Jerzy Grotowski che alla nostra città ha legato la fase finale del suo straordinario percorso creativo. E proprio nel nome di Grotowski, alla fine degli anni Ottanta, è iniziata la frequentazione di Vasil’ev con il Teatro di Pontedera; una relazione feconda che si è articolata in numerosi progetti e passaggi susseguitisi negli anni, tra Pontedera, Mosca, Volterra e Firenze. Vasil’ev, artista di fama mondiale, veniva a Pontedera con la sua compagnia del Teatro “Scuola d’Arte Drammatica” di Mosca per partecipare a incontri di lavoro con Grotowski e i suoi collaboratori; mentre su invito della Fondazione Pontedera Teatro presentava i suoi spettacoli e saggi teatrali, prove aperte e lezioni. Parallelamente, sia il Workcenter di Grotowski, sia il Teatro di Pontedera venivano invitati a Mosca al Teatro “Scuola d’Arte Drammatica”. Vasil’ev ci ha testimoniato il suo affetto partecipando nell’ottobre del 2008 all’inaugurazione del Teatro Era, di cui per anni aveva visto la maquette nella vecchia sede di Via Manzoni.

Il contributo di Anatolij Vasil’ev alla storia del teatro contemporaneo sta in una serie di spettacoli innovativi e memorabili e in una costante, rigorosa attività pedagogica innervata nella grande tradizione stanislavskijana. Pirandello, Molière, Puškin, Heiner Müller sono gli autori che più frequentemente ha messo in scena; Sei personaggi in cerca d’autore, Questa sera si recita a soggetto, Anfitrione, Le lamentazioni di Geremia, Don Giovanni, ovvero il convitato di pietra, Mozart e Salieri, Medeamaterial, Il viaggio di Onegin sono i suoi spettacoli più conosciuti, presentati in tutto il mondo.
L’attuale residenza a Pontedera è di nuovo nel nome di Pirandello. Infatti dall’11 maggio all’1 giugno, ospite della Fondazione Pontedera Teatro, Vasil’ev dirigerà un laboratorio su Pirandello dal titolo “L’innesto”. Il laboratorio, scaturito dal progetto di “Pedagogia per Pedagoghi” tenutosi a Venezia, si è poi sviluppato nel corso di diverse residenze all’Istituto Grotowski di Wroclaw, in Polonia; l’approdo a Pontedera, con otto partecipanti, è la prosecuzione di una lunga fase di ricerca e formazione. Alla fine della residenza sono previste tre sessioni di lavoro aperte al pubblico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.