Al Teatro Franco Parenti una tragicommedia di Roberto Cavosi con una grande interpretazione di Anna Maria Guarnieri e Luciano Virgilio.


Una casa buia, nessun contatto col mondo esterno, una passione sfrenata per le corse dei cavalli, una tenda spessa che impedisce alla luce del sole di fare capolino, unico contatto con il mondo:  il marito. Così è costretta a vivere la ricca protagonista di Antonio e Cleopatra alle corse, a causa di una rara malattia che le impedisce di esporsi alla luce del sole.

Il marito, squattrinato, passa le sue giornate in giro per la città e la sera, al suo rientro, racconta alla moglie ciò che succede.  Lei appare più fragile per i suoi isterismi e per i suoi comportamenti a volte infantili che per la malattia stessa.

Disprezza il marito, non lo ascolta, ma non ne può fare a meno. L’odio  nei suoi confronti non è autentico, ma è il riflesso dell’odio che nutre verso se stessa per non riuscire a dare all’uomo della sua vita un’esistenza normale. È più facile per lei farsi odiare che farsi amare perché è convinta di non poter ricambiare l’affetto. Ma lui è un’ottimista, ama lei e la loro vita insieme – tanto che non asseconda nemmeno per un attimo le continue richieste della donna di aiutarla a morire. Il suo amore è per lei come persona e non per le cose che potrebbero fare insieme, delle quali li priva la malattia.

Lo spettacolo si svolge in un continuo mutamento di stati d’animo e di argomenti; si passa dai pianti della moglie ai consigli del marito sui cavalli da puntare, alle richieste di lei di morire, ai racconti di lui su ciò che accade nei bar o nei negozi del centro; un alternarsi e sovrapporsi di emozioni che dimostrano come, nonostante le differenze caratteriali e le avversità, a volte non si possa fare a meno l’uno dell’altra.La scenografia è ridotta all’essenziale: pareti blu, una poltrona, un divano e un paio di mobiletti.

Elemento spiazzante: la presenza di sei televisori – che durante lo spettacolo trasmettono corse di cavalli, e ai quali i due attori si rivolgono con un effetto straniante che distanzia lo spettatore dalla vicenda che si sta svolgendo sul palcoscenico.

Realtà e finzione si confondono. Nel momento in cui gli attori guardano o indicano gli apparecchi televisivi, il pubblico può decidere se fissare loro o se alzare lo sguardo verso le tv, puntando gli occhi – e la mente – verso un fuori, che è al di là della scena ma non dello spettacolo.

Protagonisti Luciano Virgilio e Anna Maria Guarnieri, diretti da Andrée Ruth Shammah. Grande interpretazione da parte di entrambi per questo mix di paure alte e piccoli-grandi problemi quotidiani superati con l’affetto.

Lo spettacolo continua
Teatro Franco Parenti

via Pier Lombardo, 14  – Milano
fino a lunedì 14 Febbraio
orari: feriali ore 20.30, festivi ore 16.00

Antonio e Cleopatra alle corse
di Roberto Cavosi
regia Andrée Ruth Shammah
con Anna Maria Guarnieri e Luciano Virgilio
produzione Teatro Franco Parenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.