Arte per tutti (i gusti)

Allo Spazio Eventiquattro si tasta il polso all’arte contemporanea italiana: numerose le presenze e le idee originali, soprattutto dei giovani.

Arte Accessibile torna per la IV edizione, più ricca che mai: lo spazio espositivo e il cortile de Il Sole 24 Ore si trasformano in una galleria traboccante di idee, novità e talenti.
In esposizione un vasto bouquet: da opere che hanno un che di “già visto” ad autentiche innovazioni, dove la ricerca sui materiali riciclati e le nuove tecniche si impongono: cannucce, gratta e sosta, caramelle e altri oggetti di uso quotidiano assurgono a mezzi d’arte. E grazie ad argute intuizioni riescono a diventare vere e proprie opere. Purtroppo – come è prevedibile in questi casi – non sempre il risultato è pari alle intenzioni e, a volte, il pubblico resta perplesso.
Camminando tra gli affollatissimi stand, ciò che si percepisce con maggiore vigore è la vitalità che riesce a dimostrare l’arte contemporanea e l’interesse dinamico che la città di Milano registra per la stessa. Tra astrattismi, rivisitazioni di opere celebri e colori sgargianti, la linea prevalente è quella della sperimentazione in tutte le sue forme, mentre spesso e volentieri ci si imbatte nella celebrazione del kitsch come credo a cui votarsi, nel suo significato più autentico – che va ben oltre l’accezione negativa di “cattivo gusto”.
Vero fiore all’occhiello di questa edizione si rivela la sezione dedicata ai giovani artisti dell’Accademia di Brera che, senza dubbio, si distinguono per le buone intuizioni e l’alta qualità delle realizzazioni, e tra i quali spiccano Atlante di Erina Sanzeni, I’m a Spider – II versione di Lamit Segale e il divertente e variopinto Effetto Farfalla di Michael Gambino. Se questi sono i presupposti, c’è da augurarsi un futuro roseo per i giovani talenti – che meritano decisamente di esporre le loro opere all’interno di una kermesse così varia e ormai ben radicata nel territorio.
Arte Accessibile non è però solo un’esposizione di arti figurative: nei suoi quattro giorni di programmazione si è dato spazio anche per performance interattive – tra le quali, Nice to meet you di Loredana Galante e Rash Bel Alwan / Spruzzate con tutti i colori di Omar Hassan; interessanti convegni – in cui direttori di musei, presidenti di fondazioni e giornalisti si sono interrogati sullo stato attuale delle arti; una rassegna cinematografica, spettacoli di video art e degustazioni.
Nel complesso, un’ottima occasione per accostarsi piacevolmente e consapevolmente al mondo dell’arte senza esserne intimoriti, per sondarne ogni aspetto e sentirsi parte attiva di un evento che cresce anno dopo anno.

La mostra ha avuto luogo:
Spazio Eventiquattro – Gruppo Il Sole 24 Ore
via Monte Rosa, 91 – Milano
fino a domenica 15 aprile

Arte Accessibile Milano – IV Edizione
ideata e diretta da Tiziana Manca
coadiuvata da Chiara Canali, Fortunato D’Amico e Ivan Quaroni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.