Intrighi e omicidi a bordo di un battello da crociera

teatro-carcanoAl Teatro Carcano va in scena uno dei capolavori della regina del giallo, Agatha Christie.

L’elegante salone di un battello da crociera fa da sfondo ad Assassinio sul Nilo, tra le più famose opere di Agatha Christie, portata in scena al Teatro Carcano dalla Compagnia Attori & Tecnici, per la regia di Stefano Messina.
A salire sull’imbarcazione per compiere una suggestiva gita lungo il fiume egiziano, diversi passeggeri, assediati da buffi venditori ambulanti locali che cercano di sfruttare ogni minuto a disposizione prima della partenza per fare affari.
Vediamo così avvicendarsi nella grande sala panoramica, costituita da ampie vetrate che dominano il paesaggio circostante, una serie di personaggi particolari e fortemente caratterizzati, ognuno con una zona d’ombra da tenere ben nascosta. L’umanità rappresentata a bordo è la più diversa: troviamo la ricca zia con nipote (serva?) povera al seguito, il facoltoso aristocratico in incognito, la bella ereditiera, accompagnata dal marito povero in canna e dalla tenebrosa cameriera, il medico straniero, la giovane innamorata e abbandonata, il sacerdote.
Fin dall’inizio, ogni passeggero è destinato a giocare il suo ruolo, più o meno decisivo, sulla scacchiera della vicenda che, di lì a poco, assumerà tinte fosche, con due omicidi commessi a distanza di breve tempo l’uno dall’altro.
La caccia all’assassino ha così inizio per condurre alla sorprendente conclusione di un giallo che ha tutte le caratteristiche per essere considerato un classico del genere.

Nonostante le premesse siano ottime e l’interpretazione di gran parte degli attori molto buona – in grado di cambiare registro in maniera repentina, passando dal drammatico al comico con grande facilità – l’opera risulta nel complesso troppo lenta nell’avvicendarsi delle situazioni, farraginosa nel dipanamento della storia, perdendo purtroppo forza affabulatoria e, soprattutto, suspense, che costituisce uno degli elementi cruciali del testo.
Molto curata ed estremamente elegante la scenografia, così come sono di grande effetto gli elementi “cinematografici” presenti nell’allestimento, come la scelta di proiettare su un telo bianco che cela la scena il titolo dell’opera all’apertura del sipario, una serie di immagini e “cartelli”, utilizzati come escamotage scenico per permettere le ellissi temporali, e, infine, i titoli di coda, quasi a voler creare una sorta di trait d’union con la celebre versione cinematografica del 1978, diretta da John Guillermin.
Una curiosità particolare è rappresentata dall’assenza dell’investigatore Poirot nella pièce, a differenza del romanzo, nel quale svolge invece il suo proverbiale ruolo risolutore: nella trasposizione teatrale, infatti, Agatha Christie decise all’epoca di eliminare il personaggio del detective, perché a suo avviso non “adatto” al palcoscenico.

Lo spettacolo continua:
Teatro Carcano
Corso di Porta Romana 63 – Milano
fino a domenica 1° marzo
da martedì a sabato ore 20.30 – domenica ore 15.30

Assassinio sul Nilo
di Agatha Christie
traduzione di Masolino D’Amico
regia di Stefano Messina
scene di Carlo Sala
costumi di Ferdinando Bruni
interpreti principali: Viviana Toniolo, Annalisa Di Nola, Stefano Messina, Carlo Lizzani
e con Roberto Della Casa, Claudia Crisafio, Elisa Di Eusanio, Sebastiano Colla, Viviana Picariello, Luca Marianelli
traduzione di Edoardo Erba
produzione Attori & Tecnici – Teatro Vittoria di Roma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.