La logicità di un divertimento illogico – in perfetto stile Benni

tieffe-teatro-milanoAl Tieffe Teatro, uno spettacolo brioso che celebra la scrittura di Stefano Benni, mettendone in musica storie e parole grazie alla Microband.

«Ma che notte è? È tutto vero o mi hai messo della roba nel caffè?»: sono le parole del ritornello di una delle numerose canzoni che vengono interpretate durante lo spettacolo e che ben rappresentano il senso dell’esperimento teatrale diretto da Emilio Russo.

Bennisuite rappresenta – come consuetudine per Tieffe Teatro – un felice connubio tra tre diversi mondi artistici: la scrittura, il teatro e la musica.

La pièce è tratta dai trentacinque anni di parole di Stefano Benni, i cui romanzi e raccolte di racconti – tra i quali Bar Sport e Il bar sotto il mare – presentano uno stile unico e inconfondibile all’interno del panorama letterario italiano. Le sue storie sono invenzioni incredibili – al limite tra realtà e fantasia, verosimiglianza e illogicità, comico e paradossale. Lo spettacolo teatrale prova – e riesce – a rendere in maniera efficace le stesse atmosfere, calcando la mano sull’irragionevolezza dei personaggi e delle situazioni.

I quattro protagonisti si ritrovano in quella che sembra la sala disordinata di un bar: moltissime sedie di legno di cui alcune ribaltate a terra, una sorta di bancone, un vassoio di cornetti e paste curiosamente da non mangiare. Un uomo di mezza età (l’ottimo Marco Balbi) si autoproclama capocomico e sembra dirigere gli altri protagonisti nell’interpretazione di un racconto ciascuno, tratto da idee e personaggi di Benni. Tra recitazione, canto, passi di danza e situazioni ridicole e assurde – marito e moglie, ad esempio, competono in una singolare sfida di tradimenti amorosi – lo spettacolo procede rapido, con ironia, e – in pieno stile Benni – comicità e illogicità.

La musica è eseguita in scena da Luca Domenicali e Danilo Maggio, componenti della Microband, straordinaria formazione di teatro comico musicale apprezzata in tutta Europa. La loro efficace mimica facciale – con la quale commentano in maniera silenziosa le vicende dei personaggi – si unisce alle eccellenti doti di musici. Suonano di tutto: pianoforte, chitarra, violino, ukulele, mezzo ukulele (nel vero senso della parola), palloncini d’aria e bacchette, corde. Danno l’impressione di poter suonare qualsiasi cosa: probabilmente, se potessero, creerebbero melodie suonando le sedie, il sipario, i riflettori… Non a caso, riescono, nel complesso, a conferire allo spettacolo comicità e allegria, adattando in musica alcune parole di Stefano Benni (da qui, il titolo dello spettacolo, Bennisuite).

Sempre al limite del paradossale, la performance si chiude tra colori e fumogeni con un ultimo canto interpretato da tutti gli attori in scena e accolto dagli spettatori con applausi entusiastici. L’ampio consenso di pubblico induce gli artisti a rientrare in scena per un bis. Tornano, così, a cantare la canzone simbolo dello spettacolo: «Ma che notte è? È tutto vero o mi hai messo della roba nel caffè?». Un ritornello e una melodia che rimangono impressi nel pubblico. Uscendo dalla sala e allontanandosi dal teatro, infatti, non sono pochi gli spettatori che canticchiano il motivo musicale. Un banale esempio della riuscita e dell’efficacia di Bennisuite, spettacolo illogico ma brioso, leggero e divertente. È chiaro che uno spettacolo che riesce a imprimersi nella mente dello spettatore e a lasciare qualcosa di cui ricordarsi – anche solo la melodia di un ritornello, sebbene Bennisuite sia molto di più – può dirsi senza dubbio uno spettacolo riuscito: è logico.

Lo spettacolo continua:
Tieffe Teatro
via Ciro Menotti, 11 – Milano
fino a domenica 19 maggio
orari: martedì, giovedì, venerdì e sabato, ore 21.00 – mercoledì, ore 19.30 – domenica, ore 17.00.

Bennisuite
da Stefano Benni
drammaturgia e regia Emilio Russo
con Lucia Vasini, Marco Balbi, Nicola Stravalaci, Marcella Formenti
musiche Microband
luci Mario Loprevite
costumi Mariella Visalli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.