Comunicato stampa

Mary Shelley imparò a leggere in un cimitero, il padre le insegnò a decodificare le lettere di una lapide, le prime parole che lesse furono Mary Wallstonecraft, sua madre morta di parto mentre la dava alla luce.

Bigodini – Oh, Mary si muove tra biografia e testo. L’ossessione prende la forma del racconto, la incarna e la scarnifica allo stesso tempo. Il corpo femminile getta sull’Opera la sua ombra ineluttabilmente frankensteiniana. Mary Shelley diviene così il femmineo e malinconico scienziato Victor Frankenstein, tormentato da una colpa radicata nelle profondità del suo essere, e la Creatura, il tentativo disperato di mettere assieme i pezzi dei propri cadaveri, di strappare alla Morte il ricordo dei cari perduti, presi a morsi, dilaniati dall’oblio.

Leggi la recensione di Bigodini – Oh, Mary.

Teatro Orologio
Via dè Filippini, 17/a – Roma
dal 19 al 31 Maggio
dal martedi al sabato ore 21.15 – domenica ore 17.45

Ariel dei Merli presenta
Bigodini – Oh, Mary
da Frankestein di Mary Shelley
di Francesca Manieri e Federica Rosellini
regia Federica Rosellini e Francesca Manieri
con Cristina Gardumi e Federica Rosellini
luci e foto di scena Angeles Parrinello

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.