Rinchiuse

Presso l’associazione culturale del Teatro Millelire di Roma va in scena Bunker, uno spettacolo tutto al femminile.

Due giovani donne, amiche e colleghe, sembrano scampare a un disastro nucleare ritrovandosi segregate e a stretto contatto in un Bunker. In quei pochi metri di spazio il necessario per sopravvivere: pane, acqua, qualche scatoletta, una brandina e una radio, l’unica àncora di salvezza che le tiene in contatto col mondo esterno. Le giornate sono interminabili e tutto ciò che in precedenza faceva parte della vita quotidiana diventa banale e privo di senso. Ogni parola, gesto o sguardo inizia ad assumere un peso insostenibile. Cresce la tensione tra le due lasciando spazio solo a paure e ansie. L’atto d’amore in cui Una salva l’Altra si trasforma in smania di controllo, ossessione di possesso e passione morbosa. Fuori dal bunker ombre che minacciano l’esistenza, all’interno calore umano e riparo. Come in un gioco di ruoli le due donne interpretano la parte che compete a ciascuna: salvatrice/carnefice l’una, salvata/vittima l’altra per poi scoprire alla fine che anche il gioco ha i suoi colpi di scena. Il bunker non è più luogo di salvezza ma di prigionia e fuori è la liberazione.
L’idea della stanza-bunker usata come simbolo di reclusione è una tematica ricorrente nel teatro contemporaneo: un non-luogo di tortura dove vengono sviscerate le passioni umane più recondite e allo stesso tempo più terribili. Qui, però, tale poetica è scarsamente sviluppata, poiché la tensione che s’instaura tra le due protagoniste si vede solo nel passaggio di un coltello da una mano all’altra e i dialoghi risultano piuttosto colloquiali a scapito di un’interpretazione a tratti molle. Solo in alcuni momenti l’eccitazione riesce a sfociare in spasmi di follia omicida e l’intento di creare una rottura d’equilibrio viene raggiunto ma non si spinge oltre certi limiti che dovrebbe, invece, oltrepassare. Probabilmente si ricalca un’atmosfera e un registro interpretativo di tipo cinematografico a scapito di una resa drammatica piuttosto abbozzata. Non mancano però attimi di tenerezza che si celano dietro sguardi smarriti e parole farfugliate come un grido d’aiuto a una sconfinata solitudine.
Belle ed espressive le lunghe pause che danno un senso di mancanza, di vuoto tra le due donne e belle anche le alternanze di luci e ombre per scandire il tempo. Anche la musica e i rumori contribuiscono a creare un’ambientazione sordida, fredda e post-apocalittica.

bunker

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Millelire
via Ruggero di Lauria, 22 – Roma
fino a domenica 24 novembre
orari: ore 21.00, domenica ore 18.00

TEATROinMOVIMENTO presenta
Bunker
drammaturgia Celeste Salmucci
regia Anastasia Astolfi
con Anastasia Astolfi, Alessandra Chieli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.