Play Chihiro. Play As time goes by

auditoriumMeritata standing ovation per il ritorno di Chihiro Yamanaka all’Auditorium Parco della Musica, in questa occasione accompagnata dallo straordinario Trio After Hours e dal talento del trombettista Luca Aquino.

Chihiro Yamanaka non è più un nome emergente del panorama internazionale, perché a dispetto della ancora giovane età è ormai una delle più richieste e affermate artiste del jazz, già pluripremiata in Giappone, negli USA (dove attualmente risiede) e in Europa.

Quello eseguito nella struttura fiore all’occhiello della Roma contemporanea è la quarta tappa inserita all’interno di un ciclo di concerti che sta attraversando lo stivale in altri luoghi simbolo, come il Blue Note di Milano e il Torino Jazz Club, e che – oltre a testimoniare il grande feeling di Chihiro con l’Italia – si sta avvalendo di compagni di strada di eccezionale valore, con i quali ha già calcato oltre 250 palcoscenici in tutto il mondo.
Un evento al quale il pubblico romano, va sottolineato, ha risposto degnamente riempendo la sala Teatro Studio in quasi ogni ordine di posti, con appassionati di tutte le età, anche giovanissimi.

L’eccellente acustica dell’Auditorium Parco della Musica è sinonimo di garanzia in questo senso e anche in questa occasione ha permesso di godere ai massimi livelli di questa anteprima europea, per nulla inficiata da un piccolo inconveniente tecnico, rapidamente risolto dal pronto intervento dei tecnici e affrontato con grande esperienza – all’insegna del classico “the show must go on” – dagli interpreti.

Un sodalizio, quello tra Chihiro Yamanaka Trio “After Hours”, perfettamente rodato e impreziosito dall’impeccabile tromba di Luca Aquino, special guest della serata. Una collaborazione che ha alzato ulteriormente il già notevole livello del “confronto” tra il pianoforte di Chihiro, il contrabbasso di Aldo Vigorito e la batteria di Mikey Salgarello, con un “dialogo” fatto di cambi di ritmo a velocità vertiginose, cadenze sincopate e riprese “regolari” degli stardards, ovvero di quei “punti di riferimento sonori” ai quali la pianista giapponese offre un contributo di originalità, in termini di arrangiamento, capace di rinnovare senza farne mai perdere di vista le caratteristiche originarie.

Un “approccio” allo strumento, quello di Chihiro, non soltanto basato su una eccelsa tecnica esecutiva al servizio di uno stile caratterizzato dall’alternanza di improvvisazioni e questi temi “eterni”, ma soprattutto inconfondibile per come riesce a non essere mai banale e a far pulsare nel jazz – con grande trasporto emotivo e creativo – tutto il proprio bagaglio artistico, fatto di armonie e melodie in fin dei conti semplici e riconoscibili (Per Elisa di Ludwig Van Beethoven), strizzate d’occhio al pop (Yesterday dei Beatles) e riferimenti al contemporaneo (la tragedia di Fukushima, sua terra natale, nella canzone originale Rain, rain and rain).

Il concerto si è svolto
Auditorium Parco della Musica – Teatro Studio

viale Pietro De Coubertin, 30 – Roma
mercoledì 27 novembre, ore 21

Chihiro Yamanaka feat. Luca Aquino After Hours
Chihiro Yamanaka pianoforte
Aldo Vigorito contrabbasso
Mikey Salgarello batteria

special guest
Luca Aquino tromba

Autumn Tour 2013
2013.11.24 - FOGGIA MOODY
2013.11.25 - TORINO JAZZ CLUB
2013.11.26 - BLUE NOTE MILANO
2013.11.27 - AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA ROMA ft LUCA AQUINO
2013.11.28 - FORLI’ TEATRO TESTORI
2013.11.29 - ASCOLI PICENO COTTON

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.