L’incanto dell’essenzialità

Il dream pop dei Cigarettes After Sex ha risuonato come un carillon tra le rovine del Teatro Romano di Ostia Antica, trasformando una notte comune in un’infinita ballata romantica.

I Cigarettes After Sex concludono il loro tour immersi nella storia del Teatro Romano di Ostia Antica in una modalità minimalista che accompagnerà tutto il concerto, dopo le tappe di Gardone Riviera e Ferrara, ad attenderli un palco gremito di spettatori di qualsiasi genere ed età a dimostrazione della trasversalità delle loro melodie. La band texana si forma nel 2008 ma raggiunge il successo soltanto negli ultimi due anni: ispiratore dei testi e voce rivelazione è Greg Gonzalez che accompagnato da Philip Tubbs, Randy Miller e Jake Tomsky. Dagli essenziali giochi di luci, agli abiti semplicemente neri fino alle poche parole pronunciate in segno di ringraziamento, l’atmosfera e il tempo si dilatano così come le sonorità, anch’esse essenziali eppure estremamente avvolgenti.

I brani eseguiti sono tutti quelli più noti, dal secondo album Cigarettes after sex (2017) e dell’Ep uscito precedentemente (2012). Tra le più apprezzate e conosciute – Affection, Crush, K., Each Time you fall in love – si inserisce l’unica chicca Sesam Syrup eseguita in questa occasione per la prima volta dal vivo. Si continua con Opera House, solo voce e chitarra, e si conclude con il brano più noto Nothing’s gonna hurt you baby. Ma i Cigarettes tornano sul palco per un bis ed è forse questo il momento più magico, anzi il momento più da concerto in cui si percepisce di essere in una collettività, perché quello a cui si è assistito fino a questo momento sembra quasi una performance privata, una lunga ballata in cui rimanere abbracciati sotto le stelle. Dunque per il bis il pubblico si alza per andare a circondare la zona antistante il palco e regalarsi Apocalypse, Dreaming of you e Please don’t cry.
Se si è in cerca di sorprese o di variazioni sul tema, come accade solitamente nei live, allora un concerto come quello dei Cigarettes non fa al caso vostro: nessuna sorpresa, è essenzialmente ciò che siamo abituati a sentire alla radio, con una esecuzione dal vivo perfetta, senza sbavature ma, appunto, senza novità.
Ma, forse, è proprio questo ciò che conquista: essenzialità e pulizia sonora che, grazie anche alla bellissima voce del frontman riescono a creare atmosfere sospese in una magia senza tempo.

Il concerto è andato in scena all’intero di Ostia Antica Festival
Teatro Romano di Ostia Antica
Viale dei Romagnoli, 717 – Ostia Antica (Roma)
Martedì 10 luglio ore 21

Ostia Antica Festival e Rock in Roma hanno presentato
Cigarettes After Sex
Greg Gonzalez (voce, chitarra elettrica e acustica, basso)
Philip Tubbs (tastiere)
Randy Miller (basso)
Jake Tomsky (batteria)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.