VII edizione Festival Segreti d’Autore

Nel cuore del Cilento va in scena Segreti d’autore, storico Festival della Legalità, dell’Ambiente, delle Scienze e delle Arti ideato da Ruggero Cappuccio.

Due settimane in cui l’arte intreccia l’impegno caratterizzano una rassegna che ormai da sette edizioni anima diversi borghi del Cilento, offrendo spunti di riflessione impegnata e intrattenimento di qualità con incontri letterari, spettacoli teatrali ed eventi musicali.

«Addiopizzo, Legambiente, associazioni di studiosi ed esperti di natura, difesa del territorio, legalità e geologia completano il quadro di un Festival che si articola nei comuni del Cilento storico», dipanando una lunga manifestazione, durante la quale non sono, ovviamente, mancati momenti immersivi con percorsi naturalistici e itinerari guidati, workshop e mostre d’arte, ma in cui a farla da padrone è stata la cultura intesa quale tradizione popolare capace di promuovere interesse intorno alla cosa pubblica.

L’intuizione di Ruggero Cappuccio di aprire «un’indagine sull’ambiente, sulla legalità, sulle scienze e sulle arti» coinvolgendo, in maniera aperta e gratuita per il pubblico, le bellezze dei comuni di Sessa Cilento, Serramezzana, Omignano, Stella Cilento e Perito dà forma a un programma vasto e intenso, un autentico «osservatorio civile dei rapporti tra il patrimonio culturale italiano e studiosi, scrittori, associazioni, musicisti, attori impegnati per la sensibilizzazione del connubio uomo – territorio».

Sembrerebbe un complesso rompicapo, quello su cui interroga la relazione tra i due personaggi de Il baciamano nella versione di Giovanni Esposito: «che cosa hanno in comune tra loro Janara, giovane popolana avvizzita prima del tempo, e il gentiluomo che, legato mani e piedi, le è stato portato in casa dal marito? […] Non l’idioma. […] Non la fede. […] Non la città di origine. […] Men che meno i due hanno in comune il passato».

Eppure, nell’incedere della pièce, tra il nobile giacobino catturato (perché aristocratici erano i partenopei d’ispirazione rivoluzionaria) e la plebea mangiatrice (per fame e necessità) di essere umani a lasciarsi ammirare e percepire è più la prossimità (umana) che l’estraneità (linguistica, estetica o sociale) di un corpo a corpo (attorale) in cui ad alternarsi sono ironia e sofferenza, speranza e tragedia. Merito, certamente di una suggestiva povertà scenografica e di un’espressiva atmosfera cromatica, ma anche delle interpretazioni di Susy De Giudice (dolce nella sua volgare ferocia) e di Giulio Cancelli (mai ingessato nel mostrare l’etichetta del proprio sangue blu), nonché di una regia leggera e funzionale nel disvelare attraverso le distanze linguistiche, prossemiche e di costume quanto «due creature tanto lontane l’una dall’altra siano partecipi dello stesso destino, che in qualche modo ne parifica la condizione, le fa apparire solidali ancorché inchiodate a ruoli fatalmente contrapposti». Di questo Baciamano, con lui «sconfitto dalla storia» e lei da un patriarcato che da tempo immemore inchioda il femminile a una condizione di subalternità e miseria, convince in particolare l’espediente utilizzato per restituire i due protagonisti quali universi apparentemente incomunicabili, ossia la declinazione linguistica della De Giudice in un napoletano arcaico quale riflessione sulla potenza e la musicalità della lingua partenopea.

Interessante anche Dia-Logos, spettacolo esito del laboratorio tenuto da Claudio Di Palma, una composizione itinerante all’interno delle affollate stanze di Palazzo Cipolla a Sessa Cilento di «otto dialoghi ambientati in otto stanze per otto coppie di attrici ed attori […] ispirati dal teatro, dalla letteratura, dalla scienza e dalla musica», allestita attraverso incursioni testuali tra classici e contemporanei (da La locandiera di Goldoni a Delirio a Due di Ionesco, da L’Île des esclaves di Pierre de Marivaux a Measure for Measure di William Shakespare, da Les Femmes savantes di Molière a un Mozart e Salieri con innesti dal Macbeth).

Ma nei soli tre giorni in cui siamo stati presenti, accanto al teatro, un posto di assoluto rilievo lo hanno avuto eventi quali dibattiti (Paolo Borsellino, il giudice e l’uomo tra Ruggero Cappuccio e il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti), incontri (con l’editore Giuseppe Galzerano), presentazioni (Divorziare con stile di Diego De Silva) e musica (il concerto Retour degli Avion Travel).

Sconfessata la diffusa vulgata che lo riduce a luogo virtuoso ma dedito per lo più al turismo sostenibile, il Cilento di Segreti d’autore, con la sua fitta e ragionata programmazione, si presenta, allora, quale location d’arte imperdibile e dalle qualità affatto indifferenti; un festival che riesce a portare gente alla cultura e a renderla compartecipe di questioni alte e urgenti, lasciando semplicemente sedimentare tanto l’esperienza quotidiana di un contesto strepitoso per il fascino naturalistico, quanto la capacità di compensare con la propria magia il proprio sostanziale isolamento dalle principali vie di comunicazioni (stradali e digitali)

VII edizione Festival Segreti d’Autore
dal 30 Luglio al 14 Agosto

Serramezzana – Palazzo Materazzi
11 agosto, ore 21:30
Il baciamano
con Susy De Giudice e Giulio Cancelli
regia di Giovanni Esposito
costumi Rossella Aprea
scene Luigi Ferrigno
effetti video Davide Scognamiglio
progetto luci Nadia Baldi
collaborazione musicale Elio Manzo
produzione Teatro Segreto

Sessa Cilento – Palazzo Cipolla
12 agosto, ore 21:30
Dia-Logos
a scuola di dialoghi teatrali con Claudio Di Palma
esito finale del laboratorio per giovani attori e giovani attrici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.