Il potpourri delle arti di strada

Per la rassegna Cirk Fantastik è andato in scena, al Teatro Puccini di Firenze, lo spettacolo Clown in libertà della compagnia Teatro Necessario.

Sul palcoscenico compaiono tre clown diversi tra loro: c’è il clown grasso, poi quello alto e quello un po’ più basso; uno riccio, uno moro, l’altro biondo con i capelli scompigliati; uno con il papillon, l’altro con la cravatta, il terzo con le bretelle. Non basta: uno ha il clarinetto, l’altro il trombone, e l’ultimo è alle percussioni. Questa è la differenza più importante perché gli strumenti, tutti insieme, generano la musica. E la musica è l’elemento portante dello spettacolo del quale è, al tempo stesso, protagonista e voce fuori campo.

Gli strumenti, infatti, dipanano il filo della narrazione, ne enfatizzano alcuni aspetti e ne ridicolizzano altri. Il plot narrativo, come in ogni spettacolo di clownerie che si rispetti, sembra preda dell’improvvisazione e non irrigidito entro gli schematismi tipici delle altre rappresentazioni teatrali: i tre pagliacci si ritrovano, quasi per caso, sulla scena – di fronte a una platea che li guarda piena di aspettative – e loro, all’inizio un po’ sorpresi e un po’ sbigottiti, allentano la tensione degli attimi iniziali, suscitando dapprima un sorriso negli spettatori, poi una risata piena e, alla fine, qualcuno non si trattiene dallo sbellicarsi. Dopo avere rotto il ghiaccio, i clown danno vita a sketch che si susseguono in modo rocambolesco fra acrobazie dagli equilibri (apparentemente) instabili, rapidissime sequenze di mano, passaggi di giocoleria dalle dinamiche inestricabili nei quali ciascuno ruba all’altro birillli o palline, poi evoluzioni e piramidi sempre più ardue, e infine impeccabili duelli al rallentatore.

Uno spettacolo complesso dove si intrecciano, a ritmi concitati, un gran numero di arti, dalla pantomima alla giocoleria, dall’acrobatica alla musica, tutte organizzate dalla voce degli strumenti in un disordine coerente. Il carattere eterogeneo dello spettacolo è in grado di accaparrarsi l’attenzione e l’apprezzamento di un pubblico altrettanto disparato, soprattutto per età.

La figura di clown scelta dagli attori è della specie schietta e senza tante implicazioni che sarebbe bene utilizzare più spesso: imbranato ma non goffo, divertente ma non ridicolo. Un clown senza quel sorriso distorto dalla vena di mestizia, come Charlot; ma che ha il solo scopo di strappare un sorriso e un applauso a bambini e adulti. I piccoli sono infatti coinvolti e hanno la possibilità di interagire con la performance attraverso una partecipazione attiva, mentre gli adulti sono coccolati e trastullati, trasportati di nuovo in quella dimensione fanciullesca dove sono lecite spensieratezza e meraviglia.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Puccini
via delle Cascine 41- 50144 Firenze
domenica 10 aprile ore 17.00 e lunedì 11 aprile ore 21.30

Il Teatro Necessario presenta:
Clown in libertà
di e con Leonardo Adorni, Jacopo Maria Bianchini e Alessandro Mori
(durata un’ora circa)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.