Chanel e periferia

Da una nuvola a due passi dal paradiso e a due dalla suite del Ritz: Coco rilegge se stessa attraverso le sue biografie: «Mai detto!».

Numero 5: come il suo profumo, Coco aleggia su una nuvola di bambagia al centro del palcoscenico dello Spazio Mil – la scommessa teatrale più innovativa di Sesto San Giovanni, un tempo quinto polo industriale italiano, oggi agglomerato suburbano che non produce altro che edilizia residenziale e centri commerciali.
Coco, nella periferia milanese, sembra una contraddizione in termini: la femminista esteta che non si sarebbe mai sporcata le “unghie” con una tuta blu, regina indiscussa di un testo che sembra cucito sulle dote attorali di Giulia Dell’Ongaro e su quel mix poetico di teatro di figura, musica dal vivo, pantomima, prosa e maschere tipico del Teatrino Giullare.
Coco forse è già morta, forse è nelle ultime ore di vita, in bilico tra due mondi e tra due realtà: la sua, vissuta in prima persona, e le mille altre, raccolte, inventate, deviate e supposte da giornalisti, biografi più o meno ufficiali, scrittori, cialtroni da carta stampata. Lei non riesce a riconoscersi in quella selva di invenzioni intessute intorno al suo soprannome, la sua infanzia disperata, i suoi amanti, le amicizie illustri, le connivenze con il regime nazi-fascista, i suoi improbabili aforismi: «Mai detto!» è il refrain costante che sottolinea il disincanto e l’amarezza di una donna, ricchissima e famosa, che ha fatto e sperimentato tutto ed è ridotta a letto, in una stanza d’albergo – seppur lussuosa – in compagnia di un cane, guarda caso di nome Picasso.
Dell’Ongaro è perfetta quando indossa la maschera di una Coco avvizzita nel corpo e nei sentimenti, mentre taglia con precisione pezzi di scotch che appende come passamanerie al suo abito – in un’azione che è insieme funzionale al racconto e alla poetica sottesa, rimandando a quella che è stata probabilmente l’unica vera, grande passione di Coco, la sua ragione di vita: il taglio d’abiti. Ed è altrettanto brava quando si sveste della maschera e, per un attimo, in sella a Pegaso – lei, amante dei cavalli, tra quell’ovatta che è insieme lenzuolo di un letto sfatto prossimo al sudario, schiuma di un bagno regale ricordo dei fasti che furono, nuvola di un paradiso irraggiungibile per la sua anima nera – si lancia al galoppo nei ricordi di una vita che non può essere solo sua perché troppo pubblica, di un’esistenza forse solo immaginata attraverso le parole degli altri.

Lo spettacolo continua:
Spazio Mil 
via Luigi Granelli, 1 – Sesto San Giovanni
fino a domenica 18 dicembre, ore 21.00
Teatrino Giullare presenta:
Coco – L’ultimo sogno
creato, interpretato e diretto da Teatrino Giullare
scene e mascheramenti di Cicuska
musica originale di Arturo Annecchino
eseguita in scena da Massimiliano Gagliardi
in scena Giulia Dell’Ongaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.