Le Come-di-en et son Chanteur de Cheveut

Al Teatro Quirino di Roma Pierre Santini interpreta e riadatta in francese i migliori brani di Paolo Conte, ripercorrendo la carriera musicale del suo cantante del cuore con un’orchestra d’eccezione.

Una panchina, un pianoforte, un contrabbasso, una batteria, una fisarmonica: Pierre Santini debutta così, al Teatro Quirino, sulle note di Come-Di .
Con voce calda e rassicurante il grande artista francese si accinge a motivare un amore senza tempo per il cantautore, paroliere poetico e malinconico che scandisce, al ritmo di un jazz timido e raffinato, l’ordine e la follia delle sue giornate da oltre vent’anni.
Arte , Un gelato al limone , Rio de Janeiro : una carrellata di brani intensi e appassionati riscalda l’animo dello spettatore. « Chiudi gli occhi e ti rendi conto che non è una finzione teatrale » , commenta Santini. Un leggero vibrato al piano lascia presagire l’arrivo di una canzone rivelatrice: una breve premessa per Blu Tango che determina l’inizio del sum-pathos tra l’attore e regista francese e il poeta astigiano.
Un momento di Esitation per poi correre in compagnia di Annie e l’Uomo Camion alla volta del Mocambo; e poi via, via, vieni Via con me per Una giornata al mare .
E con Azzurro si chiude il sipario.
« Ho imparato ad affrontare e superare le difficoltà con le donne grazie ai versi di Paolo Conte » confessa l’artista. Ironico e commovente, Pierre Santini offre una brillante interpretazione, che intervalla con aggraziata disinvoltura canzoni, confidenze e intro strumentali. Un sorprendente e inatteso excursus semiotico-artistico su binari paralleli.
I tagli di luce evocano una suggestiva atmosfera e definiscono gli strumenti di un’orchestra magistralmente diretta da Manu Guerrero.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Quirino
via delle Vergini, 7 – Roma
sabato 1 ottobre, ore 20.45

Come-di
Pierre Santini chante Paolo Conte en français
di Pierre Santini
assistente alla regia Emma Santini
pianoforte Manu Guerrero
batteria Thomas Huet
fisarmonica Dominique Marigny
contrabbasso e basso Xavier Zolli
direzione Manu Guerriero
scene e luci Gerard Gelas
con l’amichevole partecipazione di Pascal Legitimus, Iren Bo, Severine Bouisset

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.