È nata una stella. Anzi più d’una

Gran finale e successo meritato per il V Concorso Internazionale di chitarra classica Stefano Strata – Città di Pisa, che quest’anno ha visto la partecipazione di oltre cinquanta concorrenti provenienti da tutto il mondo.

Domenica 19 ottobre, platea gremita al Teatro Verdi di Pisa per applaudire i sei finalisti del Concorso dedicato a Stefano Strata, giovane musicista morto prematuramente alcuni anni fa.
I sei concorrenti hanno dimostrato tutti grande perizia tecnica e hanno offerto un pomeriggio davvero piacevole al folto pubblico che ha dimostrato di gradire una manifestazione che, di anno in anno, sta assumendo sempre più i connotati di un evento sia per l’alto livello e la provenienza internazionale dei partecipanti sia per la risposta più che positiva delle autorità cittadine e degli spettatori.
Il vincitore del Concorso, Mircea Gogoncea, romeno, ha eseguito gli 8 Valses Poéticos di Enrique Granados Campiña con mano delicata e suono armonicamente fluido, grazie alla maestria nei legato che hanno dato fluidità all’intera esecuzione. Vanno anche rilevate la maturità espressiva, nonostante la giovane età del musicista, e, nel secondo pezzo – squisitamente di bravura – ossia il Capriccio n. 5 di Paganini, l’abilità tecnica unita a velocità e precisione.

Secondo classificato e Premio del Pubblico il francese Armen Doneyan, che ha eseguito la trascrizione del Capriccio dalla Partita n. 2 per clavicembalo di Johann Sebastian Bach, nella quale ha dimostrato di possedere un raro equilibrio tra staccato e legato e la capacità di restituire al pubblico l’illusione di un’esecuzione orchestrale, pur in presenza di un solo strumento. Decisamente originale e molto gradita dal pubblico anche l’interpretazione delle Fantasie su temi ungheresi dell’altrettanto virtuoso austriaco Johann Dubez.
Terzo posto per l’ucraino Marko Topchii, che ha mostrato padronanza dello strumento e rotondità di suono, oltre a un’interpretazione sicura e personale soprattutto dell’Etude 7 del brasiliano Heitor Villa-Lobos (insieme a Bach, il compositore maggiormente eseguito durante la competizione).
Infine, menzioniamo un concorrente che non ha vinto alcun premio ma ha ricevuto l’applauso più caloroso da parte del pubblico e che ci ha convinti personalmente, il romeno Bogdan Mihailescu, maturo e tecnicamente valido nella trascrizione da liuto de La Campagna di Francesco da Milano – un pezzo rinascimentale che coniuga grazia e levità. Giocoso e accattivante nell’esecuzione de la Fête villageoise del romantico Giulio Regondi; e padrone di un suono pieno e carnale, a tratti ipnotico, nella sua personale interpretazione di un altro Villa-Lobos.
Ci spiace solo che nel finale del Concorso sia rimasta in gara un’unica donna. Confidiamo che nei prossimi anni vedremo aumentare la partecipazione femminile in tutti i settori, compreso quello musicale.

L’esibizione finale con premiazione del V Concorso Internazionale di chitarra classica Stefano Strata – Città di Pisa ha avuto luogo:
Teatro Verdi di Pisa

domenica 19 ottobre, ore 16.15

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.