Il teatro in “paese”

Da sette anni la zona alta di San Miniato ospita Contemporanei Scenari. Anche quest’anno, si è replicata la manifestazione che prova a portare non la città in teatro bensì il teatro in città.

Le manifestazioni artistiche, a San Miniato, prendono vita in spazi comuni. Un vero peccato che questo Festival, decisamente originale, sia ancora sconosciuto ai più.
La kermesse si è svolta nel corso di 3 giorni, dal 7 al 9 settembre. Dopo l’apertura, noi siamo stati presenti alla seconda serata, quella dell’8.
Abbiamo assistito a tre spettacoli: uno studio, un’anticipazione, e infine la messa in scena della Compagnia La Ballata dei Lenna.
Tre location diverse per tre perfomance altrettanto diverse. Al circolo Cheli, Solo sapore. II studio, un “assaggio” coreico da sviluppare firmato dalla coreografa Greta Francolini, della Compagnia Teatro Or 3.76. Uno studio di movimento puro ancora in fase di preparazione per due danzatrici. Lo spettacolo, protagonista anche a XL Network Giovane danza d’autore, è stato replicato per tre sere in spazi diversi così da suggerire suggestioni differenti.
La seconda proposta è una produzione del Teatrino dei Fondi di San Miniato, Amanti, liberamente ispirato dalla Signorina con il cagnolino di Čechov – con Silvia Rubes e Alessio Torgioni. Una gradevolissima e intima immersione nel salotto della casa di Yalta della protagonista, presente con il suo amante, ambientata nella Sala degli specchi del Circolo Cheli. Gli spettatori, seduti come in un salotto e coinvolti direttamente dai dolori, dalle gioie e dalle frustrazioni della coppia – che sembra non trovare alcuna pace nel vivere il proprio amore segreto, ma sincero. Lo spettacolo sarà inserito nella programmazione 2017/2018 del Teatro Comunale di San Miniato.
Infine, all’Auditorium di San Martino, uno tra gli spettacoli più sperimentali e ben riusciti degli ultimi tempi, Human Animal, de La Ballata dei Lenna, giovane Compagnia torinese.
Ispirato a Il Re pallido di David Foster Wallace, è uno “studio antropologico e tecnico” sull’essere umano, ma anche sull’essere umano a teatro. Nonostante un po’ lungo nel finale riferimento all’autore (omaggio dovuto a Wallace che appesantisce però l’andamento complessivo), è di una piacevolezza rara di questi tempi.
Tra le innovazioni, la “diretta audiovisiva”, che mostra gli attori proiettati su uno schermo mentre stanno recitando dietro lo stesso. Distanti ma vicini, attivi e interattivi, profondi e ironici, gli interpreti danno prova di bravura. Inoltre, il gioco ideato facilita il dialogo con lo spettatore, creando effetti a sorpresa che innalzano il grado di consapevolezza di ognuno. Si comprende quale animale strano sia l’essere umano, ma si afferra anche la meravigliosa complessità che sta alla base del fare teatro.

Gli spettacoli sono andati in scena nell’ambito di Contemporanei Scenari:
San Miniato, varie location

giovedì 7 settembre
Teatro Or 3:76 presenta:
Solo sapore. II Studio
di Greta Franchini
con Eva Scalzi e Fanny Fabbri

Teatrino dei Fondi presenta:
Amanti
su progetto di Silvia Rubes
con Silvia Rubes e Alessio Targioni

Compagnia La Ballata dei Lenna presenta:
Human Animal
Di Paola Di Mitri
con Paola Di Mitri, Nicola Di Chio e Miriam Fieno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.