Sublime diletto/scorno supremo

La grande attesa del pubblico genovese per l’apertura della Stagione del Teatro Stabile, con il Don Giovanni della Compagnia Gank, è stata sicuramente premiata da uno spettacolo ben fatto e all’altezza delle aspettative.

Sicuramente riuscito il Don Giovanni di Molière per la regia di Antonio Zavatteri: in delicato equilibrio tra ironia della resa e profondità del messaggio.

La scena è quella classica con cambi a vista che hanno il sapore dello “svelamento del trucco teatrale” – un sotterraneo accenno di metateatralità che si accorda perfettamente con un testo giocato sul travestimento e lo scambio di persona. Gli attori sono di alto livello, alcuni dei quali in grado di interpretare diversi personaggi nella stessa pièce senza mai apparire uguali a se stessi. Una Compagnia che, del resto, sta crescendo in bravura e originalità a ogni rappresentazione. Mai una sbavatura, mai un momento di esitazione: un’ottima rappresentazione della dicotomia bene/male che, ben interpretando il testo di Molière, sa graffiare con il sorriso. Molto interessante, a questo proposito, la scelta dei costumi, pensati per sottolineare l’ambivalenza della natura umana, a seconda della tipologia – particolare questo estremamente godibile e che non vogliamo svelare allo spettatore.

Filippo Dini e Alberto Giusta, azzeccati nei ruoli di Don Giovanni e Sganarello, si dimostrano in grado di divertire ed emozionare, allo stesso tempo, grazie soprattutto alla loro grande complicità. Due personaggi contrapposti per rappresentare l’eterno dualismo – il servo, espressione di un messaggio positivo, persino bigotto in alcuni momenti, teso a elevare la purezza dello spirito, e il padrone completamente immerso nel vizio e nelle passioni carnali, nella sicumera propria del suo status, espressione orgogliosa della joie de vivre.

Come sempre in Molière la penna si piega ai diktat della morale del tempo – e sappiamo tutti come finirà Don Giovanni – ma non si spezza, e la punta è intrisa in sagace veleno quando alla fine Sganarello, il servo fedele – il mercurio alato che porta un messaggio morale e moralistico – di fronte al padrone che subisce la punizione divina, si preoccupa soltanto di chi pagherà i suoi salari arretrati.

Lo spettacolo continua:
Teatro Duse
Via Nicolò Bacigalupo, 2 – Genova
fino a domenica 30 ottobre
orari: feriali ore 20.30 – domenica ore 16.00

Don Giovanni
di Jean-Baptiste Poquelin detto Molière
regia Antonio Zavatteri
interpreti principali Massimo Brizi, Filippo Dini, Alessia Giuliani, Alberto Giusta, Alex Sassatelli e Mariella Speranza
produzione Compagnia Gank, Teatro Stabile di Genova

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.