All’interno della rassegna Sguardi S-velati – Punti di vista al femminile, Chiara Tomarelli è una kamikaze nei dodici minuti e trentasei secondi precedenti l’esplosione che la consegnerà alla terra e alla gloria eterna.

Batte come un cuore, anzi più forte. Ma quando si ferma non rimane quieta e inerte come un sasso annegato in uno stagno. È la bomba incorporata nella kamikaze: non si vede, ma il pugno che la donna picchietta sul petto ne scandisce il ritmo frenetico e implacabile.

Nel tempo che le rimane prima di saltare in aria, la protagonista di Donna Bomba racconta ciò che vede e che sente, rivelando la propria versione dell’odio che l’ha condotta fin lì, a dodici minuti di distanza dalla propria morte.

Chiara Tomarelli interpreta sul palco tre donne in una: la kamikaze, se stessa e la personificazione della bomba. Il suo corpo si trasforma di volta in volta. È struttura meccanica quando la bomba si presenta al pubblico in tutta la sua sprezzante, fatale determinazione; è vita libera e sinuosa quando l’attrice si spoglia dei panni da suicida e si fa voce fuori campo, perdendosi in elucubrazioni sulla morte e sul tempo; è infine donna prigioniera del terrore quando sprofonda nel drammatico ruolo di attentatrice votata al suo destino.

La presenza scenica della Tomarelli ipnotizza lo spettatore e lo conduce nella piazza gremita dove la strage sta per consumarsi, a pochi metri dalla macchina blindata del politico obiettivo, tra i gomiti degli innocenti che a breve saranno fatti a pezzi. Un’esperienza angosciosa, cinquanta lunghissimi minuti di attesa, di pensieri folli e lucidi insieme, di visioni reali e oniriche. Il testo custodisce una forza viscerale che scivolando sul finale si amplifica e deflagra. La donna, libera finalmente dalle sovrastrutture ideologiche, sapendo che pochi rintocchi la separano dal nulla, pronuncia l’amara verità sul suo arruolamento, sull’odio che ha dovuto apprendere e sulla scelta non sua, ma indotta, di sacrificarsi per un bene più alto.

Uno spettacolo validissimo e coinvolgente su un tema scottante, indigeribile che malauguratamente non perde mai di attualità.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Due

vicolo due macelli, 37 – Roma
fino a domenica 23 gennaio
(durata 50 minuti circa senza intervallo)

Donna Bomba
di Ivana Sajko
regia Chiara Tomarelli
con Chiara Tomarelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.