Rancori da salotto

Al Festival Inequilibrio di Castiglioncello, l’opera teatrale di Roberto Rustioni.

Il taglio è cinematografico. Un salotto, pareti di cartone, tende di plastica, aspetto post bellico. Qui si svolge l’intera azione di Donne che sognarono cavalli. Sei personaggi, tre maschili e tre femminili, entrano ed escono da porte che affacciano sul condominio di una “metropoli violenta”. Continui i flashback. La trama, come si capisce appena si prenda confidenza con il meccanismo narrativo, è suddivisa in più quadri, rappresentati in maniera volutamente disordinata e confusa, in modo che ciò che è prima arrivi dopo e viceversa.
In questo monolocale si tiene una riunione di famiglia – ma non sarà un ritrovo felice. Il senso della disfatta e dell’imminenza è subito nell’aria, appena il pubblico entra in sala e gli attori, già in scena, si guardano intorno in silenzio – ci guardano. E tra le tonalità della farsa e della commedia nera, inizia la conversazione tra i sei individui. Sono tre fratelli e le loro rispettive mogli – una casalinga; un’altra ragazza senza passato e, la terza, sedicente scrittrice di sceneggiature. In un clima di mistero e segreti, bruscamente interrotto da un risotto alla turca che è perennemente quasi cotto, ma non è mai pronto, e bottiglie di Bordeaux, iniziano a ribollire la tensione e il conflitto. E crescente è la sensazione sgradevole che qualcosa di orribile sia accaduto molto tempo prima o stia per accadere.
L’azienda di famiglia è fallita. Uno dei tre fratelli ha dovuta vendere tutto e non lo ha ancora detto agli altri. Un secondo ha scoperto che il più giovane, il boxeur, è malato di tumore e non ne ha fatto parola con nessuno. Mentre Lucera è figlia di desaparecidos argentini, ma il marito deve ancora rivelarglielo.
Il clima da macabra telenovela latinoamericana (l’autore del testo è l’italo-argentino Daniel Veronese) alterna fasi fintamente liete ad altre dove la violenza scorre tra i personaggi. Una violenza verbale, fisica, energetica, che sfocia nel momento finale, culminante, in cui la giovane Lucera pone fine a tutto e a tutti. E le visioni del suo monologo lasciano intravedere in lontananza la dittatura, i disordini sociali, la violenza dei regimi sanguinari.
I fermo-immagine sono la trovata registica più seducente. Come piccoli cubetti di ghiaccio che, all’improvviso, si sciolgono a contatto con un liquore caldo.
Tutti efficaci gli interpreti, soprattutto quelli maschili, che riescono a dosare bene il tragico e il comico, rendendo universale la pièce. Se la tensione ha, forse, scavalcato il limite della finzione e coinvolto troppo da vicino gli attori, le corde emotive e interiori del pubblico, senz’altro sono state pizzicate a dovere.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno di:
Inequilibrio Festival

Castello Pasquini
Castiglioncello (LI)

Donne che sognarono cavalli
di Daniel Veronese
adattamento e regia Roberto Rustioni
con Valeria Angelozzi, Maria Pilar Perez Aspa, Michela Atzeni, Paolo Faroni, Fabrizio Lombardo, Valentino Mannias
assistente alla regia Soraya Secci
scene e costumi Sabrina Cuccu
assistente scenografo Sergio Mancosu
luci Matteo Zanda
foto Alessandro Cani
co-produzione Fattore K-Sardegna Teatro-Festival delle Colline Torinesi
con il sostegno di Fondazione Olinda Teatro La Cucina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.