Donna di cuori

arte spazio capannoriTra scherzo e tragedia, lo sguardo di Cristina Comencini sul mondo femminile va in scena allo spazio Artè di Capannori.

Donna. Adulto, sessualità femminile: donna giovane, anziana; una donna affascinante. Moglie, compagna, amata, col possessivo a precedere: la mia donna. Lo dice il signor Garzanti, il vocabolario. Tutto fila liscio, non c’è che dire. L’ineluttabile logica
delle definizioni semantiche. Ma se l’essere umano, dall’eterna contraddizione che è, rifugge a qualunque forma di classificazione razionalizzante, ci dica, di grazia, ci dia una sola motivazione per attenerci ai suoi disegni, caro signor Garzanti.
Ma certo: è la logica. La natura umana conviene che ruoti attorno alla logica, volente o nolente. Ma che diamine. Facciamola finita. Chi dà le carte?
Venerdì 16 maggio, allo spazio Artè di Capannori (in provincia di Lucca). Sono le 21.00. Non è immediato inquadrare Due Partite. D’altronde la regia è di Cristina Comencini, sì, lei che è autrice dell’umano dolore, del dramma che affila le lame tra le mura di case senza pace. Costella le sue storie di un’amarezza che non è possibile ignorare. Ecco il motivo della contraddizione, di una commedia acre, intrisa di una sofferente resa al corso degli eventi, ma brillante come un prisma in ogni sua sfaccettatura.
Questa è scuola di vita. Attorno a quel tavolo, uno spazio esiguo nel quale pretende la logica universale che la donna consumi il proprio vivere, attorno a quel tavolo, come sul quadrante di un orologio, le lancette misurano un percorso reiterato. E l’uomo è assente e al contempo onnipresente, suggerito da un copione avvelenato con le fattezze non dissimili da quelle di un cancro. In un tripudio di considerazioni amare, la donna è ingabbiata dalla sua stessa fisionomia, costretta – pazzesco a dirsi – a ritirarsi nel proprio utero, a implodere, a fagocitarsi da sola.
E poi c’è l’amicizia, questa sorellanza quasi mistica che porta quattro esistenze a vivacchiare senza rumore nell’intera settimana, fino a concentrare l’inespresso in quelle partite, attorno al solito tavolo quadrato («Che comunque è brutto», dice una delle quattro). Ma apriamo alla speranza: il futuro sarà migliore. Quella speranza vagheggiata su un pezzo di carta, la voce di un uomo, uno dei quattro grandi assenti. Speranza delusa, o confortata, ai posteri l’ardua sentenza.
E ancora, ci sono le figlie: più libere, ma certo. E cosa vorranno queste figlie libere? Uomo. Casa. Prole. E il circolo nietzschiano si sigilla con la capitale indissolubilità di una fede nuziale. Questo il destino? Un altro eterno ritorno? Non ci è dato saperlo, a noi, voyeuristi, che spiano attraverso il buco di una porta brandelli di esistenza vissuta da altri. Ma nulla che la donna media non sappia, nulla che non possa pessimisticamente aspettarsi. E ridiamo, scherziamo sul consueto relitto sventolando bandiera bianca. In noi è da millenni lo spirito dell’annegato. Meglio finirla. Eppure, ecco tornare quel brano. Perché la speranza è l’ultimo dono: la speranza sbatte gli occhi confusa sul fondo del vaso.
Ecco, questa era Due Partite, opera umile e sagace al contempo. Ma forse ne abbiamo abbastanza di sentirci ripetere del destino, dell’affanno del nostro destino, della miseria del nostro destino. Oppure è quel dito, quel dito che rigira se stesso nella piaga, che non vogliamo proprio suturare, a turbarci?
Donna. Adulto, sessualità femminile: donna giovane, anziana; una donna affascinante. Moglie, compagna, amata, col possessivo a precedere: la mia donna. Fine della partita, signor Garzanti. Chi ha vinto?

Lo spettacolo è andato in scena:
Artè – Capannori (Lucca)
venerdì 13 maggio, ore 21.00

Due partite

di Cristina Comencini
progetto collettivo per mise en espace in due atti
con Greta Alberici, Alessia Coselli, Lisa Franceschini e Sara Nomellini
collaborazione artistica Moreno Petroni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.