Criminali a Milano

Al Teatro della Cooperativa è in scena Duomo d’onore, a cento passi dal Duomo capitolo secondo, il racconto di Giulio Cavalli sugli intrecci tra politica e malaffare all’ombra della Madonnina.

Si può in un’ora e un quarto condensare quattro inchieste giudiziarie corpose come quelle contro le infiltrazioni mafiose nel Nord Italia e raccontarle al pubblico con la medesima dovizia di particolari? O si corre il rischio di ridurre a freddi numeri gli omicidi cruenti del pm Bruno Caccia (1983, Torino) e della testimone di giustizia Lea Garofalo (2009, Milano)?
La spettacolarizzazione delle morti e il rischio di rimanere troppo aderenti alla cronaca nera ci sarebbe se sul palco non salisse Giulio Cavalli, con la confidenza acquisita su questi temi, fino all’altro ieri sconosciuti – o ignorati – in Lombardia.

In Duomo d’onore, a cento passi dal Duomo capitolo secondo, l’artista e consigliere regionale racconta l’intreccio tra politica e malaffare, sangue e colletti bianchi, che pervade da un decennio la regione che si riteneva immune a queste dinamiche e che, al contrario, si è scoperta pervasa dalla ‘ndrangheta non meno dell’Aspromonte. Cavalli torna sui temi già trattati due anni fa in A cento passi dal Duomo, ma aggiorna nomi, fatti e prospettive. Snodo del monologo, ben guidato dall’accompagnamento alla fisarmonica di Guido Baldoni, è il viluppo di interessi tra il mondo della politica e l’Expo – quale evento che catalizza, all’ombra della Madonnina, gli interessi criminali.

La puntigliosità con la quale l’autore parte da alcuni fatti di cronaca per risalire a una riflessione più generale sulle condizioni attuali della Lombardia è la conseguenza di un testo denso, scritto a più mani da esperti cronisti giudiziari: Gianni Barbacetto, Cesare Giuzzi, Davide Milosa, Mario Portanova, Biagio Simonetta, Giovanni Tizian e dal magistrato Giuseppe Gennari – gip del Tribunale di Milano. Il punto di avvio è dato da numeri, nomi, fatti di sangue, camioncini incendiati, minacce e connivenze. L’approdo è una fotografia nitida e realistica di quel che è considerato oggi il nord Italia dalle organizzazioni criminali: un porto sicuro dove stringere affari con politici collusi e imprenditori spaventati. Le mani lunghe sono quelle di tutte le associazioni a delinquere: ‘ndrangheta e camorra più delle altre.

Rimane, dopo un racconto denso e ricco di spunti di riflessione, una domanda senza risposta: sarà bastato il tintinnio delle manette degli ultimi mesi a frenare l’ascesa del fenomeno o le porte delle patrie galere torneranno ad aprirsi presto per i nomi più altisonanti della politica e della finanza lombarda?

Lo spettacolo continua:
Teatro della Cooperativa

via Hermada, 8 – Milano
fino a domenica 16 dicembre

Duomo d’onore, a cento passi dal Duomo capitolo secondo
di e con Giulio Cavalli
regia Renato Sarti
foto Emiliano Boga

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.