Prova d’orchestra

fonderie_limone_1A Torinodanza il nuovo spettacolo di Alain Platel ci racconta lo straziante addio alla vita di un suonatore di tromba.

Come Federico Fellini, Alain Platel ama moltissimo le orchestre e circhi, i corpi un po’ sovrappeso e i trucchi sfatti.
En avant, marche, lo spettacolo che Torinodanza ha presentato alle Fonderie Limone di Monacalieri, nasce da un profondo innamoramento per le bande musicali, innescato da una mostra di Stephan Vanfleteren e altri fotografi, che nel 2012 si è tenuta al Museo Huis van Alijn di Ghent. La banda, come un coro o una filodrammatica, è un luogo del vivere civile in cui scoccano, muoiono e talvolta si trascinano amori, invidie e rivalità, un microcosmo in cui diverse generazioni si scontrano e convivono, insomma una perfetta metafora dell’esistenza. Mettere in scena le prove di una banda significa raccontare la commedia umana.
Alain Platel, con la collaborazione di Frank Van Laecke, ambienta in questo mondo un celebre atto unico di Luigi Pirandello, L’uomo dal fiore in bocca, e immagina che un suonatore di tromba, a causa di un epitelioma, un tumore dal nome dolcissimo… più dolce di una caramella, abbia dovuto rinunciare a suonare il proprio strumento. Lo spettacolo rappresenta proprio la sua progressiva uscita dalla vita e gli inevitabili contraccolpi che la malattia produce anche in quel piccolo universo.
En avant, marche si regge sul bravissimo Wim Opbrouck che interpreta il ruolo del trombettista malato, un simpatico e irresistibile cialtrone colpito da una disgrazia più grande di lui: conteso da due donne (le majorettes un po’ attempate della banda), si scontra con il giovane rivale… Come Pippo del Bono confida al pubblico, quasi attaccato al microfono, la sua disperazione, ma rispetto all’artista ligure è più incline alla clownerie: non esita a danzare uno straordinario pas de deux con il giovane e acrobatico musicista che ha preso il suo posto (e, anche se sovrappeso, si rivela agilissimo) e osa pure cimentarsi nel canto lirico (in una bellissima l’esecuzione del Miserere di Giuseppe Verdi).
E dal momento che Frank Van Laecke e Alain Platel amano lo sconfinamento da un genere all’altro (teatro? danza? opera musicale?) ecco che anche uomini e strumenti acquistano nuove funzioni: i fiati sono usati come percussioni, i musicisti recitano, gli attori, come in uno spettacolo di Christoph Marthaler, suonano, cantano, intonano a bocca chiusa, oppure facendo gargarismi,
Per certi aspetti il coreografo belga potrebbe invece sembrare più propriamente un erede di Pina Bausch, perché entrambi amano i corpi non perfetti e i gesti della quotidianità, ma in Platel la dimensione narrativa è più forte e mancano le asperità aguzze e i graffi alla società contemporanea, che erano la forza dirompente della grande coreografa tedesca. Tutto in lui è più morbido e nostalgico, forse un po’ più superficiale.
Per l’edizione italiana Platel ha mescolato i bravissimi danzatori attori, che sono anche musicisti e acrobati, di Les ballets C de la B (per chi non lo sapesse, C sta per Contemporaines, B per Belgique) con i suonatori dell’Unione Musicale Condovese con ottimi risultati: i membri della banda piemontese si confondono perfettamente con i collaboratori abituali del coreografo, partecipando e recitando con efficacia.
En avant, marche inanella in modo straordinario monologhi strazianti, marce militari, numeri acrobatici, frammenti di prova d’orchestra: la musica di Mahler si alterna con la Brabançonne, l’inno nazionale belga, e con il melodramma di Verdi (la direzione e gli arrangiamenti sono di Steven Prengels). Platel indugia con amore a descrivere l’ingresso dei singoli musicisti, li fa sfilare al ritmo di marcia, ma rappresenta con affettuosa delicatezza l’ultima e definitiva uscita di scena del protagonista, suggerendo allo spettatore che quando si vive in una comunità, la fine non è mai fine: qualcun altro è destinato a prendere il nostro posto, anche perché lo spettacolo deve continuare…

Lo spettacolo è andato in scena
Fonderie Limone
via Pastrengo 88, Moncalieri
Torino
25 e 26 settembre 2015

En avant, Marche!
direzione Frank Van Laecke, Alain Platel
composizione e direzione musicale Steven Prengels
creato e rappresentato da Chris Thys, Griet Debacker,
Hendrik Lebon, Wim Opbrouck, Gregory Van Seghbroeck (bastuba), Jan D’Haene (tromba),
Jonas Van Hoeydonck (tromba), Lies Vandeburie (bugle), Niels Van Heertum (euphonium),
Simon Hueting (corno), Witse Lemmens (percussioni),
Steven Prengels (direttore d’orchestra)
e con Unione Musicale Condovese
drammaturgia Koen Haagdorens
paesaggio sonoro eseguito da KMV De Leiezonen
diretto da Diederik De Roeck
assistente direzione Steve De Schepper, Katelijne Laevens
disegno luci Carlo Bourguignon
sound design Bartold Uyttersprot
scene Luc Goedertier
costumi Marie ‘Costume’ Lauwers
costumi e scene realizzati da atelier NTGent
direttore di scena Wim Van de Cappelle
direttori di produzione Marieke Cardinaels, Valerie Desmet
tour manager Steve De Schepper
produzione NTGent, les ballets C de la B
in collaborazione con VLAMO
in coproduzione con La Rose Des Vents, Torinodanza festival / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, Théâtre National de Chaillot, Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Ruhrtriennale 2015, Festspiel-haus St. Pölten, Ludwigsburger Schlossfestspiele, Festival Printemps des Comédiens Montpellier, Croation National Theatre Zagreb, Le Maillon Strasbourg, GREC – Festival de Barcelona, KVS Brussel, Brisbane Festival, Théâtre Vidy-Lausanne
distribuzione Frans Brood Productions
con il sostegno di Città di Ghent, Provincia delle Fiandre orientali, Autorità fiamminghe

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.