La vita oltre il dolore

All’interno della rassegna femminile Ritratto di Signora, Giulia Adami e Annalisa Biancofiore presentano all’Antù di Roma uno spettacolo sulla grande pittrice messicana: una rappresentazione intima, che indaga l’animo e i pensieri di una donna vissuta unicamente per amare.

Come un romanzo meravigliosamente scritto, la storia di Frida Kahlo ha entusiasmato e commosso tutti coloro che l’hanno conosciuta, personalmente o attraverso la sua opera, le biografie e i film a lei dedicati.
Frida, una donna infaticabile, che partecipò attivamente alla vita culturale e politica del suo Paese nonostante la disabilità: un’amante appassionata e versatile, focosa ma fedele nell’amore, che sopportò ogni giorno, per tutta l’esistenza, atroci sofferenze fisiche e interiori – dato che tentò più volte di restare incinta ma non portò mai a compimento le dolorose gravidanze.

En los brasos de su hermana si concentra sull’animo insondabile dell’artista, e ne restituisce un ritratto intimo che va ben oltre i dati storici relativi alla sua vita. Emerge una donna massacrata dal dolore, che cerca in se stessa – e trova, miracolosamente – la forza di vivere in un corpo frantumato, amandolo e ignorandolo, allo stesso tempo. Una forma disperata e impensabile di abitudine l’aiuta a elaborare il male come “norma”, e a convivere con esso, semplicemente.

Ma la ferita dell’anima è per lei insopportabile: il tradimento del marito Diego – il celebre pittore messicano Rivera – con sua sorella Cristina la conduce alla più nera disperazione, le apre la strada di una sofferenza ancora più cupa e profonda di quelle fino ad allora sperimentate.

Nonostante le numerose relazione extraconiugali – con persone di entrambi i sessi – Frida rimarrà in certo modo fedele al suo infedele amore per tutta la vita, pagando per questo un pegno di dolore impronunciabile, che le farà dire, esausta, in punto di morte: «Attendo con gioia la mia dipartita. E spero di non tornare mai più».

Tutto ciò viene narrato sul palco con eleganza e tenerezza. Giulia Adami e Stefania Toscano danno voce al ricordo di Frida con una rappresentazione toccante e appassionata. Recitazione e danza si intrecciano fino a fondersi – e dove le parole non arrivano a spiegare, subentra il gesto. Il ritmo ipnotico che ne deriva travolge l’attenzione dello spettatore, lo induce a immergersi completamente nella storia narrata, a perdere la percezione del presente e a diventare tutt’uno con il tempo, la storia, lo strazio della grande artista.
En los brasos de su hermana è un omaggio riuscitissimo, costruito secondo una regia intelligente e visionaria, rappresentato con talento e accolto con entusiasmo dal pubblico. Impeccabile, pertanto, da qualsiasi angolazione lo si guardi.

Lo spettacolo è andato in scena:
Antù Spazio Teatro Off
via Libetta 15/c – Roma
fino a domenica 13 marzo
orari: tutti i giorni ore 21.00
(durata 45 minuti circa senza intervallo)

En los brasos de su hermana – Omaggio a Frida Kahlo
di Giulia Adami e Annalisa Biancofiore
regia Annalisa Biancofiore
con Giulia Adami e Stefania Toscano
coreografie Stefania Toscano
disegno luci Claudio Amadei

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.