Allo specchio

Amore e politica si intrecciano inesorabilmente in Esequie solenni di Antonio Tarantino per la regia di Andrée Ruth Shammah, dando vita a uno spettacolo molto particolare – a tratti conflittuale, mai noioso.

Due donne molto diverse, ma segnate da avvenimenti simili, si incontrano e si confrontano: sono entrambe vestite di nero, vedove di uomini a stretto contatto con la Storia (con la S maiuscola). Una è Franca De Gasperi – vedova dello statista democristiano – e l’altra la Iotti – compagna di vita e di lotta dell’appena defunto leader del Partito Comunista Italiano, Palmiro Togliatti.
La trama, frutto dell’inventiva di Tarantino e alquanto lontana dai fatti storici – mostra la prima (ormai settantenne), estranea alla politica, in una situazione che è stata costretta ad accettare da “loro” (i colleghi del marito nella DC) di vedova reclusa in casa «con lo stesso vestito nero da tredici anni». Iotti, al contrario – appena trentasettenne – anticonformista e coinvolta in prima persona nella lotta comunista, che vuole capire come sfuggire al sistema e, per questo, chiede consiglio a Donna Franca.
L’amore è al centro del testo e dello spettacolo, in tutte le sue sfaccettature – sebbene in gran parte di pura invenzione autorale: quello sincero che supererebbe anche l’adulterio e il sacrificio per la “ragion di Stato” della De Gasperi; quello mancato della Iotti per Togliatti – del quale avrebbe subito il fascino politico (ma è fatto storico che la vicenda dei due leader del PCI vide tra loro una seria relazione fuori dal matrimonio e dal sistema – in un’epoca ancora impregnata di conformismo borghese e ipocrisia pseudo-religiosa – che li portò a una lunga convivenza conclusasi con la morte di Togliatti); e infine quello travolgente e carnale che sarebbe stato vissuto sempre da Leona (e non Leonilde, o Nilde, forse proprio per distaccare il personaggio teatrale da quello reale) per un giovane compagno di partito. Ma anche il disamore: per la politica e le sue regole – ferree; per l’apparenza e l’inganno. Temi forti che non emergono immediatamente, ma attraverso un percorso a volte tortuoso tra le due donne che, all’inizio, si studiano, quasi si sfidano, per poi aprirsi, confidarsi e capirsi.
In questo dialogo immaginario – in cui si pronunciano anche le didascalie, con un ottimo effetto straniante che stempera la tensione nel momento giusto – si mette a nudo la dimensione personale di uomini che hanno anteposto lo Stato a qualsiasi altra considerazione. Attraverso piccoli aneddoti si mostrano le loro debolezze e – con sorpresa – si scopre che le vicende possono essere perfettamente interscambiabili. I difetti dell’uno potrebbero essere quelli dell’altro, così come le due donne risultano essere una lo specchio dell’altra, tanto che a metà rappresentazione Laura Pasetti – che all’inizio interpreta Franca – e Ivana Monti – Iotti – si scambiano letteralmente i ruoli. Cosa accade allora? Niente più di un semplice spostamento del punto di vista.
Il voler allontanare il pubblico da un qualsiasi concetto di verosimiglianza è, del resto, dichiarato fin dall’inizio: dal fatto che due attrici di età diverse interpretino il personaggio anagraficamente a loro più distante. Eppure entrambe riescono a darne un’impronta precisa, oltre a un’estrema credibilità: Donna Franca, di Laura Pasetti, è tutta proiettata nella propria vicenda personale e dimostra una vecchiaia a tratti inacidita da un velo di sarcasmo; mentre quella di Ivana Monti è più confidenziale, furba, indaga nelle pieghe di un’esistenza, sa essere scomoda, ma alla fine mostra un lato protettivo. Se Iotti è fiera, sebbene attaccata al lutto, ai ricordi e, soprattutto, al partito – nella bella interpretazione della Monti – con Pasetti emerge la parte più sincera e disillusa della pasionaria italiana.
Entrambe le interpreti danno una grande prova attorale, dimostrandosi versatili e sapendo interagire molto bene tra loro. Una complicità sicuramente dovuta anche al bel testo di Tarantino e all’abilità di Shammah che ha saputo valutare con estrema precisione le potenzialità delle sue interpreti e quelle della pièce, unendole in un mix perfetto – dove l’ironia non manca.

Lo spettacolo continua:
Teatro Franco Parenti – Sala Grande
via Pier Lombardo, 14 – Milano
fino a domenica 31 ottobre
orari: martedì, ore 21.15 – mercoledì, ore 19.30 – da giovedì a sabato, ore 21.15 – domenica, ore 16.30

Esequie solenni
L’Amore è una cosa meravigliosa
di Antonio Tarantino
con Ivana Monti e Laura Pasetti
regia Andrée Ruth Shammah
scene Gian Maurizio Fercioni
musiche Michele Tadini
luci Gigi Saccomandi
costumi Angela Alfano
produzione Teatro Franco Parenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.