Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna "> Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna

Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna

Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna, articolo di "Persinsala" su Persinsala Teatro
mercoledì , 20 giugno 2018
Home | Annunci/Comunicati | Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna

Futuri Maestri all’Arena del Sole di Bologna
Recensioni/Articoli di

Futuri Maestri è uno spettacolo del Teatro dell’Argine di e con 1.000 bambini, bambine e adolescenti che andrà in scena da sabato 3 a sabato 10 giugno 2017 ore 20.00 e domenica 11 giugno ore 15.00 all’Arena del Sole di Bologna. “Da anni ci stiamo interrogando su come fare arte con la città. Su come …

Comunicato stampa

Futuri Maestri è uno spettacolo del Teatro dell’Argine di e con 1.000 bambini, bambine e adolescenti che andrà in scena da sabato 3 a sabato 10 giugno 2017 ore 20.00 e domenica 11 giugno ore 15.00 all’Arena del Sole di Bologna.

“Da anni ci stiamo interrogando su come fare arte con la città. Su come creare dei percorsi di bellezza partecipata. È così che è nato Le Parole e la Città (Vincitore premio Nico Garrone 2015 e Finalista Premio Ubu 2015), è così che stiamo lavorando a Futuri Maestri.” Fin dalla sua fondazione, nel 1994, l’infanzia e l’adolescenza sono sempre state uno dei punti focali del lavoro del Teatro dell’Argine. Futuri Maestri ha dato compiutezza artistica a questo cammino che sta al confine fra le discipline e che è anche un cammino umano e dentro l’umano e, forse proprio per questo, fortemente teatrale.

“Come artisti, – dichiarano i registi Nicola Bonazzi e Andrea Paolucci – ci intrigava da un lato indagare come bambini e ragazzi vedono il mondo in cui viviamo e la loro forza, energia, capacità di leggere, sovvertire, sconquassare questo tempo; dall’altro, volevamo far incontrare loro le arti e gli artisti, con le loro opere e i loro luoghi. Il teatro come creatura generata dall’incontro fra due bellezze: la bellezza della giovinezza e quella delle arti.”

Dunque, non un saggio, una rappresentazione di fine laboratorio, bensì un percorso che vuole essere genuinamente artistico e fortemente teatrale.

Cinque parole chiave (amore, guerra, lavoro, crisi, migrazione) hanno guidato il filo della drammaturgia dello spettacolo, che ha preso a prestito testi di grandi autori teatrali – da Majakovskij a Brecht, da Pasolini ad Aristofane, da Sofocle ad Ariosto – e li ha messi a confronto con le interviste realizzate con i ragazzi su quelle cinque parole: gli Antichi Maestri a confronto con i Futuri Maestri. Lo spettacolo è un gioco di cori che si inseguono, di voci che si rincorrono, di coreografie che portano l’azione sui palchi e in platea, di parole nate dal lavoro che gli artisti del Teatro dell’Argine hanno fatto con i giovanissimi partecipanti nel corso di due anni di interviste, laboratori, incontri e prove: una pratica di teatro condiviso, un ambizioso lavoro di ascolto e di partecipazione attiva.

C’è una grande bellezza nell’idea di uno spettacolo con 1.000 bambini e ragazzi, 15 artisti e 9 ospiti dei più diversi ambiti. Immaginare uno spettacolo su questi temi con 1.000 attori è decisamente impresa epica.

Scriverlo con 1.000 bambini rasenta la follia. Puntare a realizzare un’opera che trascenda i confini del saggio di fine anno e assurga a opera artistica compiuta e autonoma potrebbe sembrare utopia. Epico, folle, utopico. Come il teatro.

Dentro questa parabola epica, il contemporaneo fa irruzione anche grazie all’intervento in scena di nove maestri del nostro tempo, uno diverso per ogni sera di rappresentazione: piccoli grandi eroi del nostro quotidiano, uomini e donne comuni che hanno deciso di alzarsi e agire, di dare un contributo forte ed esemplare al nostro presente nei più diversi campi, dalla medicina al giornalismo, dall’accoglienza ai migranti alla legalità. I nove maestri hanno preparato per i giovani presenti una loro lettera, come eredità e viatico per il prosieguo del viaggio.

Futuri Maestri
spettacolo del Teatro dell’Argine
di e con 1.000 bambini, bambine e adolescenti tra cui i 50 special (che poi sono 90) il Coro di Voci Bianche e il Coro Giovanile del Teatro Comunale di Bologna (dal 3 al 6 giugno) i bambini e le bambine di Montegallo, L’Aquila e Mirandola (8 giugno)
con gli attori e le attrici del Teatro dell’Argine Clio Abbate, Giacomo Armaroli, Micaela Casalboni, Lea Cirianni, Vittoria De Carlo, Deborah Fortini, Giulia Franzaresi, Paolo Fronticelli, Gigliola Fuiano, Gloria Gulino, Francesco Izzo Vegliante
coordinamento registico Andrea Paolucci, Nicola Bonazzi, Vincenzo Picone, Mattia De Luca, Paolo Fronticelli, Giacomo Armaroli
coordinamento drammaturgico Nicola Bonazzi, Andrea Paolucci, Vincenzo Picone, Mattia De Luca
movimenti d’insieme Patrizia Proclivi
direzione del Coro Alhambra Superchi
con 9 maestri del nostro tempo Simonetta Agnello Hornby (avvocatessa e scrittrice), Paola Caridi (giornalista ed esperta di Medio Oriente), Ignazio De Francisci (Procuratore Generale di Bologna), Alessandro Frigiola (cardiochirurgo infantile fondatore dell’associazione Bambini cardiopatici nel mondo), Giuseppe La Rosa (soccorritore navale della Guardia Costiera), Loredana Lipperini (giornalista e scrittrice), Alessandra Morelli (Delegata dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – UNHCR), Gabriele Del Grande (giornalista, scrittore e documentarista), Yusra Mardini (nuotatrice Team Refugees e Ambasciatrice di Buona Volontà dell’UNHCR)

Chiostro dell’Arena del Sole
da sabato 3 a domenica 10 giugno 2017 ore 18.30 e domenica 11 giugno ore 13.30 (prima dello spettacolo)
Aperitivo con il maestro
in collaborazione con Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e Biografilm Festival

3 giugno 2017: Loredana Lipperini, giornalista, scrittrice, conduttrice radiofonica
4 giugno 2017: Simonetta Agnello Hornby, avvocatessa e scrittrice
5 giugno 2017: Gabriele Del Grande, giornalista, scrittore e documentarista
6 giugno 2017: Alessandra Morelli, Delegata per l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)
7 giugno 2017: Giuseppe La Rosa, soccorritore navale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera
8 giugno 2017: Ignazio De Francisci, Procuratore Generale di Bologna 9 giugno 2017: Alessandro Frigiola, cardiochirurgo infantile
10 giugno 2017: Paola Caridi, giornalista ed esperta di Medio Oriente
11 giugno 2017: Yusra Mardini, nuotatrice Team Refugees e Ambasciatrice di Buona Volontà dell’UNHCR

5,00

Check Also

Andrei Zagorodnikov

Andrei Zagorodnikov

Andrei Zagorodnikov porta al NOPS di Nogu Teatro, lo spettacolo I, IAGO, «una nuova visione del classico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

In coerenza con l'impegno continuo dell'Associazione Persinsala di offrire i migliori servizi ai propri lettori e utenti, abbiamo adeguato le nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR), in particolare sono state aggiornate la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti garantiti dal nuovo Regolamento, che ti invitiamo a prendere visione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi