L’eleganza di G

out-off-teatro-milano1Renato Dibì porta in scena alcuni tra i brani più celebri del grande Signor G e il Teatro Out Off si fa cornice di un tributo a Giorgio Gaber, geniale inventore del teatro-canzone.

Un elegante tributo a Giorgio Gaber e alla città di Milano: questa l’essenza di Gaber & Milano, ideato e interpretato dal cantautore-poeta Renato Dibì e ospitato dal Teatro Out Off.
Affiancato da Gianpietro Marazza, fisarmonicista e arrangiatore di grande esperienza, Dibì ripercorre il repertorio di Gaber attraverso alcuni tra i suoi brani più celebri: da La ballata del Cerutti a Torpedo Blu, da Porta Romana a Lo Shampoo, da Far finta di essere sani fino a Libertà.

Il repertorio gaberiano è intervallato da brani dello stesso Dibì – come Mendicanti, Quelli che dormono a teatro, Gli intellettuali – mentre la seconda parte dello spettacolo – introdotta da un delicato intermezzo del maestro Marazza – è dedicata alla città meneghina del passato, divisa tra i fasti del boom economico e la semplicità della vita di campagna, ancora così fisicamente vicina a quella di città. Nel corso della performance, Dibì si è inoltre misurato con un omaggio alla canzone francese con La canzone delle foglie – adattamento de Les Feuilles Mortes di Jacques Kosma e Jacques Prevèrt – confermando ulteriormente il suo forte legame con la tradizione degli Chansonniers d’oltralpe.

Nonostante l’elegante esecuzione dei brani da parte di Dibì, il risultato è in conclusione vagamente stucchevole e manierista e rimane fortemente ancorato a uno stile agé, prediligendo un modello espressivo improntato all’amarcord e facendo purtroppo perdere al repertorio gaberiano quella forte dimensione d’attualità che lo rende unico e inarrivabile ancora oggi. Peccato.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Out Off
via Mac Mahon, 16 – Milano
lunedì 17 e lunedì 24 marzo
ore 21.00

GABER & MILANO
di e con Renato Dibì
Orchestrazioni e fisarmonica Gianpietro Marazza

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.