Comunicato stampa

Debutto assoluto per un’inusuale e preziosa rassegna di spettacoli, voluta da una cooperativa sociale e realizzata in una serra situata in un quartiere difficile di Milano. In scena Antonella Questa, Mariangela Gualtieri, il Teatro dell’Orsa, la Compagnia Carullo-Minasi e il duo Garlaschelli & Sarchi. Con un pensiero a Alda Merini.

«Qui è passata una gemma o una tempesta, una donna che avida di dire disse cose notturne e delicate»: Monica Morini, direttrice artistica della rassegna di spettacoli Gemme e Tempesta – teatro, storie, incontri, cita Alda Merini per suggerire il senso del titolo scelto per questo progetto. Voluta da una grande cooperativa sociale milanese, I Percorsi onlus, che si occupa prevalentemente di persone con disabilità e di anziani, la rassegna è composta da cinque spettacoli di qualità collocati all’interno di una grande serra che si trova in un territorio complesso e contemporaneamente ricco, la Zona 5 di Milano: «Cerchiamo un tempo per coltivare incontri. Un tempo strappato al tempo» continua Monica Morini «ci mettiamo in ascolto. Dalla fragilità sboccia bellezza. Questo è il filo rosso che attraversa gli spettacoli in rassegna».

Il progetto, che si pone l’obiettivo di aiutare a ricostituire il tessuto sociale delle persone con disabilità acquista e delle loro famiglie anche sostenendo l’allargamento dei centri PitStop e Ciak2 gestiti dalla cooperativa, debutta domenica 15 novembre con Antonella Questa che presenta Vecchia sarai tu, spettacolo vincitore del Premio Museo Cervi Teatro per la Memoria e del Premio Calandra.
Gemme e Tempesta prosegue domenica 22 novembre con Bello Mondo di e con Mariangela Gualtieri, fondatrice e anima del Teatro Valdoca di Cesena: «Cucio versi tratti da tutti i miei libri, a partire da Le giovani parole fresco di stampa, a ritroso fino a Fuoco Centrale, in un rito sonoro che ha una precisa partitura ritmica. Continuo il mio cammino dentro l’energia orale/aurale della poesia, nella certezza che essa sia un’antica, attuale via alla comprensione e compassione del mondo».
Domenica 13 dicembre va in scena in prima nazionale Questo è il mio nome, spettacolo dirompente e commovente, frutto del percorso realizzato dal Teatro dell’Orsa di Reggio Emilia con un gruppo di richiedenti asilo e rifugiati: «Una finestra aperta su storie invisibili» spiega Bernardino Bonzani, che insieme a Monica Morini ha ideato e curato questo utopico progetto «un orecchio rovesciato su un canto che attraversa i mari e i deserti, uno spazio e un tempo per lasciare un segno. Da Senegal, Costa d’Avorio, Guinea, Mali, Nigeria, Gambia, sul palco si srotolano le orme di Odissei in viaggio. Storie incise nella polvere e nella carne, scintille di memoria, passi protesi in avanti e occhi che guardano indietro».

Il pluripremiato Due passi sono della Compagnia siciliana Carullo-Minasi è in arrivo domenica 10 gennaio. Lo spettacolo porta con ironia e delicatezza dentro un tempo  che scavalca i limiti della malattia, mettendo in scena «due piccoli esseri umani, un uomo e una donna dalle fattezze ridotte» che desiderano «sfidare il mito e celebrare il lieto fine nella vita».

La prima edizione della rassegna Gemme e Tempesta si chiude domenica 7 febbraio con il reading teatrale Sex e disabled peolple. Due scrittrici intense e dissacranti, Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi, raccontano in modo comico e poetico il tema tabù del rapporto fra sesso e disabilità. In scena con loro il contrabbassista Luca Garlaschelli e l’attrice Viviana Garbini. Annotazioni di regia di Luciana Littizzetto.

Conclude Monica Morini: «Vi aspettiamo per gettare occhi dentro ciò che non sappiamo dire, se non insieme».
Tutti gli spettacoli, a ingresso gratuito, hanno inizio alle ore 18.30 presso Serra Lorenzini, Via dei Missaglia 44, Zona 5, Milano. La prenotazione è consigliata. Sono previste alcune matinée dedicate agli studenti delle scuole superiori e dell’Università.

Gemme e Tempesta andrà in scena
Serra Lorenzini
Via dei Missaglia, 44 – Milano
Novembre 2015 / Febbraio 2016
direzione artistica di Monica Morini del Teatro dell’Orsa
ore 18.30
ingresso gratuito
consigliata la prenotazione

domenica 15 novembre
Vecchia sarai tu
con Antonella Questa

domenica 22 novembre
Bello Mondo
di e con Mariangela Gualtieri

domenica 13 dicembre
Questo è il mio nome
esito del percorso realizzato dal Teatro dell’Orsa di Reggio Emilia
con un gruppo di richiedenti asilo e rifugiati
prima nazionale

domenica 10 gennaio 2016
Due passi sono
compagnia Carullo-Minasi

domenica 7 febbraio 2016
Sex e disabled peolple
reading teatrale di Barbara Garlaschelli e Alessandra Sarchi
con Luca Garlaschelli e Viviana Garbini
annotazioni di regia di Luciana Littizzetto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.