Di coppia in coppia

Frosini/Timpano a Inequilibrio 2018 si calano nelle vesti di Nicolae Ceausescu e della consorte Elena Petrescu, in una rappresentazione tratta dal testo del drammaturgo francese David Lescot.

Nessuna scenografia sul palco dedicato alla performance del duo artistico, tranne gli strumenti di lavoro: due sedie e altrettanti microfoni, che occasionalmente divengono co-protagonisti al centro dello spazio scenico.
Un intenso e incalzante duettare, mentre l’uno racconta la storia dell’altro, e la trama che risale indietro nel tempo fino all’infanzia dei due protagonisti, Nicolae Ceausecu e Elena Petrescu, ripercorrendo le tappe principali della loro gioventù e della loro stracciata infanzia in famiglie contadine.
Siamo in Romania, pochi anni dopo la Grande Guerra, quando il Movimento Legionario della Guardia di Ferro, di estrema destra – antibolscevico e anticapitalista – ha preso il potere dopo la caduta dell’Impero asburgico. Al regime militare si contrappone il Partito Comunista Romeno, considerato illegale, dove il balbuziente giovane Ceausescu e l’operaia Petrescu militano attivamente nelle lotte dei lavoratori e come sindacalisti.
Arrestato più volte, Ceausescu, incontra nel campo di concentramento di Targu Jiu, Gheorghe Gheorghiu-Dej, un importante elemento del PCR, che lo sosterrà nella sua escalation gerarchica all’interno del partito negli anni che seguiranno e porteranno il socialismo al potere in Romania.
La coppia Ceasescu-Petrescu nel frattempo, con grande intesa politica e sentimentale, si sposa nel dicembre 1947.
Magrolina, abitino corto chiaro, espressione furbetta, Elvira Frosini racconta il suo Nicolae come un tipo nervoso: vive come uno zingaro, fa spesso a pugni. Completo maschile di un marrone indefinito – adornato della cravatta nei momenti pubblici – Daniele Timpano considera Elena né bella né brutta, un soggetto solitario, che passa intere giornate a contemplare la natura e gli uccelli: «Non è bella ma a me piace davvero», tenta di dire, recitando perfettamente la parte del balbuziente, «un tipo interessante».
Lei, nome in codice Florida, sarà la mente dell’ascesa al potere del suo compagno di vita e di morte. Ambiziosa lei, quasi borderline lui, diverranno nel tempo una coppia perversa, avida e autoritaria: da vittime di soprusi del regime militare a carnefici a discapito del popolo romeno. Posate e rubinetti d’oro, racconta la cronaca del tempo.
Nei momenti cruciali della performance i canti socialisti, a sostegno dei comizi di lui, si intrecciano con le hit italiane più famose degli anni 70 – tradotte in romeno. Frosini-Petrescu si muove sensualmente intorno a suo marito sulle note di Cuore Matto di Little Tony o Com’è bello far l’amore da Trieste in giù di Raffaella Carrà, mettendo a nudo la vita privata della élite politica del paese socialista e degli incontri pubblici con i rappresentanti delle altre nazioni. Tra una caccia all’orso e un pranzo ufficiale, si decidono le sorti della geopolitica ad ampio raggio, arrivando a condizionare persino la caduta dello Shah di Persia nel 1978. Certo non è tutta opera dei dittatori dei Balcani: anche gli altri governanti europei, già uniti nella Cee – la Comunità Economica Europea – e gli Stati Uniti hanno le loro responsabilità rispetto ai veloci e talvolta inaspettati eventi di quegli anni e alle sotterranee manovre politiche.
Una pièce tragica e ironica al tempo stesso tanto che una battuta del testo – a conferma della surreale vita dei coniugi Ceausescu – sottolinea che Tristan Tzara, il fondatore del Movimento Dada, era appunto rumeno: una specie di marchio di fabbrica – o forse tara, sembrano suggerire – di chi nasce in questa terra.
Una testo drammaturgico che scorre con leggerezza, nonostante la tematica, e che la coppia artistica – e di vita – Frosini/Timpano recita con sicurezza attorale, divertente mimica, e simpatiche soluzioni onomatopeiche – esilaranti le imitazioni delle acclamazioni dei fan di Ceausescu nei comizi pubblici, interpretate da Elvira Frosini.
Un duo artistico – magnifica anche l’interpretazione di Daniele Timpano – che calza bene le parti di una coppia nella vita e nella professione, dove obbligatoriamente la sintonia dei sentimenti e degli obiettivi da raggiungere ha una parte di primo piano.
La coppia Ceausescu-Petrescu concluderà la fantastica ascesa al potere con una tragica e celere discesa: arrestati e processati sommariamente, saranno condannati a morte a fine del 1989, fucilati insieme – come da loro ultimo desiderio.
Nel 1989, caduto il Muro di Berlino, l’ultimo baluardo del realismo socialista europeo, in Romania come in altri Paesi dell’Est tutto si rimescola e si percorrono altre vie. Cosa sarebbe successo dopo? Un video mostra l’odierna Romania, consumistica, dai colori sfavillanti e i toni kitsch – che ricordano la ridondanza dei costumi tzigani – sulle note di Dragostea din tei – L’amore non corrisposto, probabilmente il pezzo in lingua romena più famoso nel resto, d’Europa dall’estate 2003.

Lo spettacolo è andato in scena nell’ambito di Inequilibrio Festival 2018:
Castello Pasquini
Castiglioncello (LI)
venerdì 6 luglio
Auditorium
ore 21.00

Frosini / Timpano presentano:
Gli sposi – Romanian Tragedy

regia e interpretazione Elvira Frosini e Daniele Timpano
testo di David Lescot
traduzione Attilio Scarpellini
disegno luci Omar Scala
scene e costumi Alessandro Ratti
collaborazione artistica Lorenzo Letizia
assistente alla regia Camilla Fraticelli
progetto grafico Valentina Pastorino

uno spettacolo di Frosini / Timpano
produzione Gli Scarti, Accademia degli artefatti, Kataklisma teatro
con il sostegno di Armunia Centro Residenze Artistiche Castiglioncello, Asti teatro, Teatro di Roma
nell’ambito di Fabulamundi. Playwriting Europe

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.