Un viaggio elettropop

In scena al Teatro Elfo Puccini la favola senza lieto fine: Grimmless, firmata Ricci/Forte. Energia, violenza, disincanto in 90 minuti di emozioni sincopate.

C’era una volta, tanto tempo fa la fiaba… ma ora?

Grimmless della coppia Ricci/Forte è un viaggio visionario in un mondo senza meraviglie, spietato, a-poetico, depauperato della fantasia e senza happy ending.

Lo spettacolo alterna monogologhi cuciti su misura a momenti corali incredibilmente fisici ed energici. La dimora di marzapane di Hansel e Gretel diventa il luogo di un delitto: una casa delle Barbie, che ricorda i plastici di Avetrana e Garlasco con la telecronaca psico-giornalistica di un Andrea Pizzalis, che ne descrive il mondo con morbosità e non-sense.

Biancaneve è una Valentina Beotti schizofrenica e vivisezionata dalla psicanalisi, mentre Cenerentola è una fashion-victim paranoica che cambia taglio di capelli per accrescere l’autostima. ”Se sono da solo non deludo nessuno. Più sto in silenzio, meno verrò ricordato”..
In un gioco al massacro tra finzione e realtà il corpo diventa l’unico oggetto del pensiero ossessivo dei protagonisti. Non potendosene liberare, lo colorano, schiaffeggiano, denudano, violentano.

La scenografia è ai minimi storici: nessun fondale, ma cavi e uscite di sicurezza a vista. Una parete di luci/monitor è l’interfaccia degli attori insieme alla musica. Dalle americane alcuni lampadari, imballati con il pluriball, dondolano. Fotografia del trasloco sospeso dell’identità dell’Italia. Forse verso la terra di nessuno.

Gli attori – Anna Gualdo, Valentina Beotti, Andrea Pizzalis, Giuseppe Sartori e Anna Terio – “sono” la propria valigia colorata, rosa, gialla, blu: bagaglio di ricordi, nostalgia e speranze perdute. Alternano momenti di gioco a estrema crudeltà, leggerezza a implacabile dolore. Ora che il prinicpe azzurro non arriverà più e la comunicazione è in fin di vita con le richieste di amicizia su Facebook, le loro bacchette magiche non possono vincere contro il potere della televisione. Non resta loro che denudarsi in un’orgia sensuale e dorata, davanti a una bandiera italiana, e giocare con i corpi dipinti.

La coppia Ricci/Forte racconta in modo patinato e stiloso il degrado di una generazione che muore a colpi di pop. Che si è svegliata, ma non risvegliata. Non ci sono più i buoni e i cattivi. Un’attrice stacca i cavi. È buio, è la fine delle fiabe: Grimmless.

Lo spettacolo continua:
Teatro Elfo Puccini

corso Buenos Aires, 33 – 20124 Milano
fino a domenica 19 febbraio

L’Associazione Culturale Ricci/Forte in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese presenta:
Grimmless
testo Ricci/Forte
regia Stefano Ricci
con Anna Gualdo, Valentina Beotti, Andrea pizzalis, Giuseppe Sartori e Anna Terio
assistente alla regia Elisa Menchicci
movimenti di Marco Angelilli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.