Per sempre felici e contenti

L’ultima performance di Stefano Ricci e Gianni Forte: vietata la visione al pubblico adulto che ancora crede nelle favole.

Un sasso lanciato contro un vetro. Schegge acuminate e taglienti proiettate ovunque.

Assistere a uno spettacolo di Ricci/Forte genera lo stesso violento stupore. Come superficie in mille pezzi, il linguaggio si deframmenta e rovescia a terra segmenti sparsi, significati nuovi e inattesi.

Grimmless rappresenta senza scrupoli il fallimento della comunicazione. La parola si sradica dalle sequenze consuete: le frasi si agganciano una all’altra senza soluzione di continuità, alludendo a un testo originario lineare e sensato poi smontato e ricomposto in un tetris capriccioso e compiaciuto.
Inutile rispettare un regolamento linguistico ormai obsoleto: il suo fine ultimo – parlarsi e comprendersi – è smarrito, irraggiungibile. Ma questa prospettiva dolorosa e disincantata si trasforma – nel progetto di Ricci/Forte – in un gioco drammaturgico ironico e divertito. Non c’è deformità sociale che non sia felicemente eletta a bersaglio della loro mira eccentrica. Facebook-mania, voyerismo morboso puntato ai fatti di cronaca nera, meccaniche discriminatorie del gruppo contro il singolo: un affresco caleidoscopico e comprensibilissimo, che il pubblico accoglie generosamente, consapevole di farne parte ma legittimato dalla posizione in platea a sentirsene estraneo, almeno in quel momento.

Le parole – sole, scompagnate, disperate e mute – abbandonano per lunghi tratti la scena, rimpiazzate da gestualità schizofreniche e irruente che ne superano di gran lunga la loquacità. Sono i momenti più pregevoli dello spettacolo, graziati da una potenza evocativa che sazia lo sguardo e il pensiero.

È un succedersi frenetico di fotogrammi, che squarciano l’aria come grida disperate e poi si ricompongono per sparire, un attimo dopo. Non c’è pace sul palco, mai un silenzio che non sia messo a tacere dalle musiche e dalle folli coreografie che gli attori – fieramente compresi nella parte – eseguono con magistrale controllo.
Grimmless, l’anti-favola che a stento ammette un finale – figuriamoci se lieto – celebra le esequie della speranza e del sogno. Da ora il mondo non ammetterà fantasie che non siano perversioni, allucinazioni isteriche di cui ridere sadicamente – sembra annunciare. Eppure l’animo dello spettatore insorge, non acconsente a riconoscere che tutto questo sia possibile, o che lo diventi: si riscuote d’improvviso dal sonno di bella addormentata e rivendica rabbiosamente il diritto a un barlume di felicità.

La provocazione di Ricci/Forte ottiene dunque il suo esito catartico e rigenerante. La cosa più simile a un happy ending a cui si possa ambire.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro India
Lungotevere dei Papareschi, 1 – Roma
fino a sabato 2 aprile, ore 22.30
(durata 1 ora e mezza circa senza intervallo)

Cinema Teatro Lux
P.zza S. Caterina, 6 – Pisa (PI)
11-12 Novembre, ore 21.30

Lo spettacolo torna in scena:
Teatro del Presente

Nuovo Studio Foce, Via Foce 1 – Lugano
8 dicembre 2011, ore 20.30

Grimmless
di Ricci/Forte
regia Stefano Ricci
con Anna Gualdo, Valentina Beotti, Andrea Pizzalis, Giuseppe Sartori, Anna Terio
movimenti Marco Angelilli
stylist Simone Valsecchi
assistente regia Elisa Menchicchi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.