Il miracolo del giovane venezuelano a Santa Cecilia

Presso l’Auditorium Parco della Musica, Gustavo Dudamel dà dimostrazione della sua riconosciuta fama internazionale.

La storia della musica classica è l’essenza spirituale della cultura occidentale, e forse prima ancora che “occidentale” in senso ampio potremmo dire “europea”; è nel cuore dell’Europa infatti che è sorta la grande tradizione della musica, che nel corso dei secoli è stata poi assorbita, invidiata, stimata e seguita dal mondo intero. Infatti, se i grandi geni dell’olimpo della musica sono di provenienza europea, e più nello specifico tedesca come sappiamo bene, è una tendenza felice specie degli ultimi tempi la diffusione internazionale e indiscriminata dei capolavori di quei grandi artisti, e perciò si nota come in estremo oriente ci siano dei grandissimi estimatori di Verdi e Beethoven, ma così è anche per altre zone del mondo come il Sud America. La sensibilità latina accomuna queste civiltà topograficamente agli antipodi con la cultura mediterranea, ma i latino-americani non disdegnano affatto neppure la nobile e solenne tradizione nordica. Tutto questo preambolo serva da introduzione per parlare dello spettacolare concerto andato in scena ieri sera all’Auditorium Parco della Musica, presso la Sala Santa Cecilia: l’orchestra nazionale di Santa Cecilia infatti è stata protagonista di un’entusiasmante serata, che aveva come ospite d’onore Gustavo Dudamel, che ha diretto l’orchestra con rara maestria e un’energia d’altri tempi. Gustavo Dudamel è considerato dalla critica e dal pubblico internazionale l’astro nascente della musica sinfonica, uno dei migliori direttori d’orchestra in attività, senza dubbio il più grande tra quelli di nuovissima generazione; infatti, classe 1981, Dudamel è ormai un direttore maturo, più che adulto, con una personalità e uno stile contraddistinguibili. Un giovane direttore venezuelano, ospite a Roma in coincidenza con la visita del neoeletto Presidente Maduro, il successore del compianto padre della patria Chavez; comunque la carriera di Dudamel ha un tono internazionalistico, essendo direttore della Los Angeles Philharmonic e della Orquestra Sinfonica de Venezuela Simon Bolivar. Riconosciuto come sublime direttore dell’opera mahleriana, Dudamel è stato nominato dal Times come una delle 100 personalità più influenti del mondo: belle soddisfazioni per il vulcanico 32enne dai capelli ricci, capace di restituire al pubblico tutta l’energia delle opere eseguite, affidando a loro un significato espressivo potente e certo non scontato.
Pensiamo anche alla versatilità di Dudamel: infatti il programma eccezionale prevedeva tre opere molto diverse tra loro per epoca e stile, ma che assumevano tutte una coloritura titanica e impetuosa grazie alla firma del venezuelano, la cui direzione insiste molto sui fiati e sulla loro cadenza ritmica.
Si è partiti con L’Idillio di Sigfrido, di Richard Wagner: già qui i corni si sono distinti, senza nulla togliere allo splendido tessuto dei violini, espressione del cromatismo wagneriano; si è poi tornati indietro di un secolo, per l’esecuzione della vitalistica e frizzante Sinfonia n. 96 in re maggiore “Il miracolo” di Franz Joseph Haydn, per poi chiudere tornando a metà Ottocento, col pezzo forte, la splendida Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 97, conosciuta anche come la Renana, di Robert Schumann. L’estro e la dinamicità di quest’ultima opera sono come esplosi tra le mani del direttore sudamericano, che ha riscosso per la sua arte un successo e un’approvazione entusiasta da parte di un folto pubblico accorso ad ascoltare “il miracolo” di questa promessa della musica mondiale.

Lo spettacolo continua:
Auditorium Parco della Musica
viale Pietro De Coubertin – Roma
martedì 18 giugno ore 19.30

Accademia Nazionale di Santa Cecilia presenta
Gustavo Dudamel dirige Wagner, Haydn e Schumann
L’Idillio di Sigfrido di Richard Wagner
Sinfonia n. 96 “Il miracolo” di Franz Joseph Haydn
Sinfonia n. 3 “Renana” di Robert Schumann
direttore Gustavo Dudamel

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.