Nella Sala Shakespeare del nuovo Elfo-Puccini, vanno in scena i piccoli drammi quotidiani visti con un’ottica allegra solo superficialmente.

Happy Family è uno spettacolo scritto, diretto e interpretato da Alessandro Genovesi, che recita in un ruolo metateatrale, ossia interpreta Ezio, se stesso: l’autore della storia.

La struttura della commedia rende la messinscena interessante: Ezio è il drammaturgo che guida il pubblico nella comprensione della bizzarra famiglia – ma non racconta solo la storia perché presto si mescola ai personaggi interpretando la propria vita, condensata in tre ore scarse di pièce. Autore e personaggi dialogano apertamente tra loro, tanto che questi si lamentano con lui per le poche battute e provano a ribellarsi. Verso la fine della rappresentazione prenderanno addirittura il sopravvento: quando Ezio chiuderà lo spettacolo – ritenendo le vicende concluse – e lascerà il palco, questi lo rincorreranno per supplicarlo di andare avanti. Lo spettacolo finirà poco dopo in modo diverso – con evidente richiamo all’opera di Pirandello, Sei personaggi
in cerca d’autore, poiché anche qui sono gli attori a comandare.

Il filo che lega le storie sembra elastico: le vicende si accavallano, procedono e poi si dimenticano, ma lo spettatore è guidato nel labirinto di vite e intrecci dalla minuziosa narrazione di Ezio. Una sorpresa, all’interno della sceneggiatura, è il modo in cui Genovesi tratta l’argomento sesso: apertamente, parlandone in modo del tutto chiaro e pulito, sfidando i tabù sociali e sottolineandone l’aspetto naturale.

Il linguaggio usato è l’unica nota negativa poiché fin troppo colorito. La storia reggerebbe ugualmente anche senza eccessive marcature – che rischiano di essere volgari e stridono in uno spettacolo teatrale.

La scenografia è d’impatto: grazie alla vastità del palco è stato possibile presentare, contemporaneamente, tutte le stanze della casa, dalla cucina al salotto, dalla camera da letto alla sala da pranzo. L’arredamento richiama gli anni 70 ed è completo di elettrodomestici, tappeti e televisori. E in questa perfetta cornice ecco la figura di Ezio, seduto sul divano con un moderno computer. Lo spettacolo è scandito proprio dai capitoli che sta scrivendo: sul fondale sono proiettati i titoli, all’inizio di ogni scena.

Con leggerezza si svolgono davanti ai nostri occhi i temi ai quali, nella nostra vita quotidiana, diamo un certo peso – dal matrimonio del figlio 15enne alla malattia della nonna – e questa spensieratezza ci permette di vedere i nostri problemi da un’altra ottica, perché sottoposti alla lente dell’umorismo – che li allontana dalla realtà. Il risultato è uno spettacolo piacevole, che fa sorridere il pubblico e permette di trascorrere una serata all’insegna dell’allegria.

Lo spettacolo continua:
Teatro Elfo Puccini – Sala Shakespeare
corso Buenos Aires 33 – Milano
fino a domenica 30 maggio
orari: da martedì a sabato ore 20.30, domenica ore 16.00

Happy Family
di Alesssandro Genovesi
con Gabriele Calindri, Linda Gennari, Elisa Langone, Alice Croci, Roberta Rovelli, Corinna Agustoni, Alessandro Genovesi, Jean-Christophe Potvin, Olga Rossi, Massimilano Speziani
luci Rocco Colaianna
suono Jean – Christophe Potvin
assistente alla regia Francesca Cavallo
produzione Teatridithalia
in collaborazione con Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.