He’s back

Per grandi e per piccini, il mago è tornato: l’Auditorium Conciliazione ha ospitato Harry Potter e la pietra filosofale – Il concerto, superba performance dell’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal Maestro Justin Freer.

Dopo sette episodi, un’opera teatrale (Harry Potter e la Maledizione dell’erede) e il recente spin-off (Animali fantastici e dove trovarli), la prima tappa italiana del tour mondiale Harry Potter Film Concert Series organizzato da da CineConcerts e Warner Bros sale sul palco dell’Auditorium Conciliazione di Roma per completare il percorso nell’immaginario simbolico di un’opera che ha segnato un’epoca e, soprattutto, per porre l’ennesimo tassello di un mito capace di rinnovarsi e di raccogliere attorno a sé miriadi di vecchi e nuovi fan.

Era il 2001 quando Harry Potter e la Pietra Filosofale dette l’avvio sul grande schermo a una serie destinata a diventare un vero e proprio cult del genere e a seguire (in gran parte, ma non del tutto) l’incredibile successo di quello che, partorito dal genio assoluto di Joanne Rowling, fu probabilmente il più straordinario caso letterario tra fine XX e inizio XXI secolo

Ad accompagnare la pellicola «nominata per sette BAFTA e tre premi Oscar, tra cui Miglior colonna sonora originale al 74° Academy Awards» e musicata dal vivo dall’Orchestra Italiana del Cinema è stato innanzitutto un enorme e impressionante successo di pubblico per un evento di altissimo livello musicale. Tre giorni di meritatissimi sold out per il prestigioso auditorium della Capitale che ha ospitato una meravigliosa serata sulla quale, a dire il vero, i dubbi erano davvero pochi visti i protagonisti annunciati di un progetto perfettamente confezionato e di cui è stata disarmante la disinvoltura sfoggiata nell’eseguire la «colonna sonora del premio Oscar John Williams, in sincrono con le immagini, i dialoghi e gli effetti speciali del film proiettato su uno schermo in alta definizione» da parte di un ricchissimo ensemble di oltre ottanta elementi diretto dall’ottimo specialista Justin Freer (Gladiator, The Godfather, Breakfast at Tiffany’s, It’s a Wonderful Life).

L’Auditorium Conciliazione trasformato nella Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, il trio di maghetti ancora bambini, l’immenso Piton nel pieno della sua (apparente) aura di malvagità, il ritorno di Voldemort e soprattutto l’Orchestra Italiana del Cinema hanno dato corpo e anima a un’esperienza esclusiva, il cui unico ipotetico neo, la ridondanza della proiezione in italiano (e non in lingua originale) con i sottotili già presenti per compensare i momenti di piena musicale, non ha per nulla inficiato la fruizione di un suono di straordinaria qualità che, dopo i trionfi all’estero, è finalmente arrivato in Italia per riscuotere il meritato successo.

Un’avventura dell’anima, un godimento artistico incomparabile, quello regalato dall’Orchestra Italiana del Cinema e dal Maestro Justin Freer, che c’è da augurarsi possa essere solo il primo di una lunga serie.

Il concerto si è svolto:
Auditorium Conciliazione

Via della Conciliazione, 4, 00193 Roma
venerdì 2 dicembre – ore 20
sabato 3 dicembre – ore 15 e ore 20
domenica 4 dicembre – ore 18

Harry Potter e la pietra filosofale | Harry Potter Film Concert Series
esecuzione dell’Orchestra Italiana del Cinema
diretta dal Maestro Justin Freer

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.