Il Nemico nello Specchio

teatro-pergola-firenzeDall’11 al 21 febbraio, Alessio Boni è tornato al Teatro della Pergola di Firenze in qualità di attore e regista, con I duellanti di Joseph Conrad. Al suo fianco, un fantastico Marcello Prayer.

Un palco pieno di cianfrusaglie e oggetti di scena apparentemente sistemati a caso. Un lussuoso divano che è anche letto, un soppalco che si atteggia a cavallo, uno studio che all’occorrenza diventa ambulatorio medico. La musica di un violoncello.
Armand D’Hubert e Gabriel Florian Feraud sono due combattenti dell’esercito napoleonico; il primo affascinante, distino e amato dai suoi superiori, il secondo fedele solo agli ideali imperiali, ribelle e scapestrato a tal punto da meritare (quasi) la morte. Duellano. Ma non una, né due o tre volte. Loro duellano per tutta la vita.
Ovunque essi si trovino, qualsiasi cosa stiano facendo o pensando, duellano. Incominciano da giovani per un futile motivo e, al suono metallico di incessanti colpi di fioretto, vivono così la loro vita di ufficiali e di esseri umani. Partecipano all’ascesa e al declino di Napoleone, crescono, invecchiano, si disilludono e si salvano la vita, ma non smettono mai di cercarsi per combattere. Sulla scena si fanno così spazio due ideali, due mondi contrapposti eppure così uniti e indispensabili l’uno per l’altro. Chiudere una volta per tutte la loro questione d’onore? No, non è questo ciò che vogliono. Più si affrontano, più si sentono vivi. Più cercano di togliere la vita all’avversario e più ridonano vigore alla propria.
È questo il significato dell’opera di Conrad: ognuno ha bisogno di un duellante. Il duellante è una parte fondamentale della vita di ognuno, qualcuno cui contrapporsi e grazie al quale guardarsi dentro e trovare una ragion d’essere.

I duellanti è uno spettacolo registicamente e drammaturgicamente ammirevole. Rappresentare su un palco una storia che racconta di duelli e guerre non è impresa semplice, ma i registi Alessio Boni e Roberto Aldorasi hanno dimostrato un approccio efficace che non ha affatto impoverito la ricchezza narrativa dell’opera originaria. Assolutamente efficaci, a tale proposito, risultano le scene di Massimo Troncanetti. La vicenda sembra infatti svolgersi in una sorta di scantinato non ben identificabile, ma ogni oggetto sul palco è pensato in modo da prendere vita e diventare parte attiva delle azioni teatrali necessarie alla narrazione.
Notevoli le prove di Alessio Boni e Marcello Prayer, entrambi capaci di interpretare due personaggi fortemente distinti con grande sicurezza e perizia scenica, studiando ogni più piccolo particolare per far immergere lo spettatore in una narrazione complessa e fortemente dinamica.
Sul palco, oltre a Francesco Meoni, bravo attore che ha sostenuto i due protagonisti interpretando convincentemente tutti i personaggi secondari, la violoncellista Federica Vecchio che ha eseguito dal vivo gran parte delle musiche.

I duellanti è uno spettacolo bello da guardare e bello da capire, uno spettacolo tanto ostentato quanto introspettivo. È la storia di «uno scontro violento e inevitabile, desiderato, dove – in realtà – il tuo vero avversario non esiste. Anzi, molto peggio: sei tu. Come se, nel momento di iniziare il duello, quando sei spalla a spalla, e fai i tuoi passi per allontanarti, nel voltarti verso il tuo Feraud, vedessi te stesso. E di quel duello ne hai più bisogno dell’aria che respiri. Senza, sei morto».

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro della Pergola

Via della Pergola, 18 Firenze
da giovedì 11 a domenica 21 febbraio
da martedì a sabato 20:45, domenica 15:45

I duellanti
di Joseph Conrad
traduzione e adattamento Francesco Niccolini
regia Alessio Boni, Roberto Aldorasi
drammaturgia Alessio Boni, Roberto Aldorasi, Marcello Prayer, Francesco Niccolini
con Alessio Boni, Marcello Prayer e Francesco Meoni
violoncellista Federica Vecchio
maestro d’armi Renzo Musumeci Greco
musiche Luca D’Alberto
scene Massimo Troncanetti
costumi Francesco Esposito
light designer Giuseppe Filipponio
produzione GOLDENART production

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.