Uno spettacolo… prepotente

Il 16 gennaio è andato in scena, al teatro Franco Parenti, Il fiume della prepotenza – un monologo tratto dal testo di Mario Capanna.

Prepotente: con questo aggettivo si vuole descrivere una persona che tende a rendere impotenti e a sovrastare gli altri, pretendendo che tutto sia fatto secondo li proprio volere, spesso a danno del bene altrui. Nel pensiero comune la prepotenza va di pari passo con l’ignoranza, intesa nel senso di povertà di spirito più che di cultura – ma una cosa non esclude l’altra.
“Prepotente, però, dal latino, significa anche qualcuno che ha un potere eccessivo, esagerato, una sorta di onnipotenza che usa per agire…”: questo, in sintesi, il tema dello spettacolo diretto da Sergio Danzi. Il monologo – ispirato dal libro di Mario Capanna Il fiume della prepotenza – si sviluppa nella forma di teatro-canzone: il testo e le note contribuiscono ad aumentare la tensione emotiva strutturandosi, grazie alla loro combinazione, in una rappresentazione che lega l’autoralità – in questo caso, di Giorgio Gaber – all’approccio dialogico con lo spettatore, trattando tematiche di forte impatto sociale e culturale.
Per l’autore, Mario Capanna – uno tra i principali leader del movimento giovanile del Sessantotto – questa forma di violenza arbitraria, denominata prepotenza, si ritrova in diversi eventi bellici della storia: dalla distruzione di Cartagine da parte dei romani alle macerie causate dalla bomba atomica, dalle Crociate alla condanna di Galileo da parte del Sant’Uffizio, dall’annientamento dei nativi americani per arrivare all’Olocausto del popolo ebraico.
Il ritmo della serata è parso, in alcuni momenti, alquanto monotono, forse a causa dell’interprete, emozionata per il suo debutto nello spettacolo. In scena, Ileana Spalla – aiutata dall’accompagnamento musicale dal vivo, con pianoforte, di Daniele Ferretti. La scenografia, essenziale e ben strutturata, è stata firmata da Ottavio Coffano, mentre i disegni proiettati sulle scene stesse sono a cura di Gino Vercelli.
Alla serata hanno partecipato eminenti personalità del mondo dell’arte e della politica locale: il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, il presidente del consiglio comunale, Basilio Rizzo, Antonio Ricci, Ricky Gianco e Fabio Treves.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Franco Parenti

via Pier Lombardo, 14 – Milano

Il fiume della prepotenza
di Mario Capanna
da un’idea di Ileana Spalla
adattamento teatrale a cura di Mario Capanna e Ileana Spalla
con la collaborazione di Paolo Dal Bon
regia Sergio Danzi
con Ileana Spalla

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.