Declinazioni d’Oriente

teatro-era-pontedera2[1]Commistione di linguaggi e molte suggestioni nel nuovo lavoro di Takahiro Fujita, Il mio Tempo / Different Shape – in prima nazionale al Teatro Era di Pontedera.

Fondata quando aveva soli ventidue anni, con lui – Takahiro Fujita – nella posizione della madre attenta e gli altri elementi della Compagnia, diversi a seconda della produzione, i Mum & Gipsy tornano in Italia con un nuovo spettacolo, in coproduzone con Fondazione Teatro della Toscana.

Allievo di Oriza Hirata e debitore, come altri suoi colleghi appartenenti alla cosiddetta zero generation, nei confronti della rivoluzione effettuata dal Maestro rispetto alla tradizione Giapponese (in particolare per quel che riguarda il linguaggio: semplificato, e reso quotidiano e colloquiale), Takahiro Fujita trova una personale direzione di ricerca, per quanto concerne l’aspetto formale, costruendo piccole scene montate tra loro (come avviene in campo cinematografico) e puntando sulla ripetizione di situazioni e frasi, che – come ritornelli – informano le sue opere a livello drammaturgico. Inoltre, va notato che la memoria – personale e collettiva – assurge a nucleo tematico dei vari lavori. Il tempo, in particolare, si costruisce (o decostruisce) sia attraverso la reiterazione e il ritorno sempre variato delle situazioni, sia con l’esplorazione della loro mutevolezza: portate sulla scena contemporaneamente, rendono visibili le differenze che caratterizzano ogni singolo individuo per genere e cultura. In un’intervista è lo stesso Fujita ad affermare come a tutti noi, presenti fisicamente in un dato luogo e in un dato momento, capiti di vivere contemporaneamente uno spazio parallelo, dove si agitano i pensieri e i ricordi, che abitano costantemente la nostra memoria. Viviamo le nostre esistenze più o meno consapevoli, talvolta turbati o inquieti, talaltra alla ricerca cosciente di ciò che ci agita e di quelle Madeleine perdute che tentiamo di recuperare.

Ne Il mio tempo / Different shape questo spazio/tempo interiore si rende visibile, nella assoluta quotidianità delle situazioni rappresentate. Ed è proprio uno degli aspetti più affascinanti di questo spettacolo la compresenza di banale quotidiano e domande sull’esistenza, poste con leggerezza, pronte a dileguarsi senza lasciare traccia, e anzi mostrandosi contemporaneamente come ciò che abbiamo di più e di meno importante nella vita. Tutto e niente. Memoria, presente, incontri: ogni fatto e situazione turbina nella mente di ognuno di noi, in ciascun istante. E, nonostante tutto, la vita va avanti – quotidiana, semplice, faticosa.

La compresenza di punti di vista e piani di lettura diversi concorre alla resa di questo senso di leggerezza e serietà assoluta; mentre, dal punto di vista formale, recitazione, gestualità, scene e musica contribuiscono a sostenere il particolare spazio/tempo.

A una recitazione naturalistica si associano una gestione epica dei movimenti degli attori (che attendono a lato dello spazio scenico di entrare in scena e nel personaggio) e la stilizzazione dei movimenti. La scena è spoglia ed essenziale con un grande quadro per le videoproiezioni, da un lato, e la proiezione dei sottotitoli che galleggiano sul fondale, dall’altro. La musica, sempre presente e per lo più elettronica, immerge le vicende in un clima che potremmo definire di “profondità contemporanea”.

Diversi i momenti intensi, e molte le riflessioni portate con sé a casa a cui ripensare.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Era

Parco Jerzy Grotowski – Pontedera (Pisa)

Il mio tempo – Different Shape
testo e regia Takahiro Fujita
con Aya Ogiwara, Ayumi Narita, Satoshi Hasatani, Yuriko Kawasaki, Andrea Falcone, Giacomo Bogani, Sara Fallani e Camilla Bonacchi
organizzazione Kana Hayashi, Luisa Zuffo
allestimento Jitsuko Mesuda

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.