L’Italia di oggi

Ritorna al Teatro Filorammatici Il suggeritore, uno spettacolo di grande attualità che porta in scena la politica italiana in versione metaforica.

Dopo il grande successo ottenuto la scorsa Stagione – quasi fosse una profezia su quanto ultimamente accaduto – anche quest’anno il Teatro Filodrammatici propone Il suggeritore, uno spettacolo di grande impatto, specchio delle novità di questo scorcio di 2011.

Protagonista indiscusso è Tom, uno spin doctor, il suggeritore del Presidente, leader del partito di maggioranza del Paese. Tom, il cui sogno era quello di fare il giornalista, inizia la sua carriera come autore per un giornaletto di fumetti erotici – intitolato allusivamente Il tromba – ma ben presto passa alle redazioni provinciali, ai Tg regionali fino all’ascesa a portavoce del Presidente.

Tom è il narratore ma, nel contempo, l’interprete di se stesso in una vicenda che lo vede protagonista, indeciso e stanco delle manipolazioni, delle bugie e dei testi scritti per persuadere gli elettori di un Presidente nel quale sembra non credere oltre. L’aggravante a questo stato di cose è la sua imminente paternità, che lo spinge a voler essere una persona migliore, della quale la figlia possa andare orgogliosa in un mondo dove, al contrario, regna la menzogna che, in fondo, lui stesso ha contribuito ad alimentare. Decide quindi di mettersi contro tutti: contro la moglie, i colleghi e lo stesso Presidente, dando il via a uno scandalo che potrebbe rovinargli per sempre l’esistenza. Unico alleato: il fratello – interpretato da Stefano Cordella – un blogger anarchico decisamente critico nei confronti del potere.

La vicenda si srotola così tra staff meeting a bordo piscina, incontri diplomatici con personaggi dell’Est europeo, serate nei night club e discussioni infinite tra le mura domestiche. Lo spettacolo svela in questo modo i meccanismi reali della politica, senza offrirne però una visione decisamente critica. Il pubblico risponde sorridendo di fronte a situazioni al limite del ridicolo e dove la realtà pare superi la fantasia. Ma è un sorriso amaro: quello di chi è, contemporaneamente, testimone e vittima di un sistema che effettivamente segue le regole del più furbo, di chi ha nelle proprie mani gli strumenti della comunicazione di massa e li sa usare. E cosa si può escogitare di meglio se non rendere pubbliche le debolezze dell’uomo – non del Presidente si badi bene – per ottenere il consenso necessario in campagna elettorale? Chi potrebbe condannare quelle debolezze alle quali noi stessi cederemmo se ci si presentasse l’occasione?

Il risultato è una vera e propria lezione sulla comunicazione, che fa riflettere e, ancora una volta, ne attesta l’importanza in un contesto politico in equilibrio precario. Perché, in fondo, non è importante dire la verità: «l’importante è fare rumore, molto rumore e imparare da tutto e da tutti. Non c’è nulla di meglio di custodire un segreto che tutti vorrebbero conoscere. Il resto lo fa il passaparola». Questo è quanto insegna Tom grazie alla propria esperienza personale ed è quello che, in effetti, riscontriamo ogni giorno in tutti i mezzi di comunicazione che invadono letteralmente la nostra esistenza.

Un ottimo cast composto solamente da cinque attori che si moltiplicano, in un vortice trasformistico, per interpretare i molti personaggi della vicenda. In prima linea Tommaso Amadio, che tiene le redini dello spettacolo e che dimostra di possedere grande carisma; quindi, Michele Maccagno, coraggioso interprete di un ruolo difficile e, nel contempo, perfetto esempio di autoironia; Stefano Cordella, divertente ed easy; e infine Alice Redini e Marta Lucini, a nostro parere molto più brave di quanto in questo spettacolo possa emergere.

Una pièce interessante che lascia lo spettatore con una sorta di dubbio “amletico” in merito a quanto si vorrebbe esprimere realmente: “essere o non essere dalla parte del sistema?”.

Lo spettacolo continua:
Teatro Filodrammatici
via Filodrammatici, 1 – Milano
fino a domenica 8 gennaio
orari: martedì, ore 20.45 – mercoledì, ore 19.30 – da giovedì a sabato, ore 20.45 – domenica e festivi, ore 16.00 (lunedì riposo)

Il suggeritore
di Bruno Fornasari
regia Bruno Fornasari
con Tommaso Amadio, Michele Maccagno, Stefano Cordella, Marta Lucini e Alice Redini
produzione Teatro Filodrammatici

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.