Il teatro come antidoto alla tv

Fino a domenica 12 dicembre, Riccardo Castagnari si presenta sul palcoscenico del Teatro Due di Roma nei doppi panni di autore e interprete.

Il titolo, “Il bello non è più di moda” ovvero Made in Italy – alla ricerca del genio perduto, volutamente Wertmülleriano, fa sì che l’intento principale dell’autore sia, da subito, perfettamente chiaro: egli intende ripercorrere i tempi passati per rendere omaggio a quei geni che hanno portato il “bello” in scena.

E lo fa attraverso il teatro, la musica e la poesia, accompagnato da un valente pianista, Andrea Calvani, il quale sa sorprendere e divertire il pubblico con le variazioni classiche del “Marcondirondirondello”, e da un giovane Igor Petrotto, con il quale crea un simpatico ma emblematico scontro tra generazioni, quella classica (Castagnari) e quella più moderna (Petrotto).

Il viaggio attraverso la memoria parte da Carla Mignone – meglio nota come Milly – che, nel dopoguerra, interpretò Jenny delle Spelonche in una versione ormai mitica di L’Opera da tre soldi di Bertold Brecht, per la regia di Giorgio Strehler. Prosegue con i grandi interpreti ancora sulla scena, come Paolo Poli di Rita da Coscia e Mezza coda, o Leopoldo Mastelloni – mattatore in Les fantomes de Pierrot. Castagnari continua i suoi ringraziamenti rendendo omaggio all’istrionico Gastone di Ettore Petrolini, e a Fiorenzo Fiorentini, Mario Scaccia e Gigi Proietti – che hanno interpretato e diffuso il genio di Petrolini fino ai giorni nostri – oltre che alla signora della rivista, Wanda Osiris, per la quale intona Ti parlerò d’amor.

Lo spettacolo è quindi un nostalgico ritorno ai tempi passati, quando il bello era ancora una categoria imprescindibile – in netta antitesi con quelli odierni, dove impera la mediocrità. La cultura televisiva del reality-show sembra infatti avere inesorabilmente abbassato il gusto del pubblico e se, prima, sul piccolo schermo si leggeva Dostoevskij o si ascoltava Albertazzi, adesso conquistano la prima serata fiction che si intitolano, giustamente, Il peccato e la vergogna. L’educazione al bello è passata di moda.

In definitiva, bisogna correre ai ripari prima che sia troppo tardi, e allora preghiamo insieme: «Genio nostro che sei nei cieli […] facci spegnere la tv e liberaci dal banale».

Lo spettacolo continua:
Teatro Due – Teatro d’essai
vicolo due Macelli 37 – Roma
fino a domenica 12 dicembre
orari: da martedì a sabato ore 21.00 – domenica ore 18.00 (durata: 1 ora e 40 minuti)

“Il bello non è più di moda” ovvero Made in Italy – alla ricerca del genio perduto
testo e regia di Riccardo Castagnari
con Igor Petrotto
musica eseguita al pianoforte da Andrea Calvani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.