L’apparenza inganna

teatro-de-servi-romaAl teatro de’ Servi è in scena fino al 22 novembre Il toyboy di mia madre, una commedia di Marco Mazza dove il reale e la finzione viaggiano parallelamente.

L’amore, si sa, non conosce età, ma come può reagire una figlia quando la cinquantenne madre le si presenta in casa con un nuovo fidanzato che potrebbe esserne figlio?
È questo l’incipit che apre la divertente commedia Il toyboy di mia madre, sul palcoscenico del Teatro de’ Servi fino al 22 novembre, con la regia di Eleonora Pariante, che interpreta anche la spumeggiante Giusina innamorata del giovane Alessandro.

La storia si svolge completamente all’interno dell’appartamento zebrato che Elena (Laura Monaco), amante della pittura e non dell’ordine, condivide con Luca (Manuel Ferrarini), aspirante attore di origine emiliane, che vorrebbe sfondare nel mondo del cinema.
I due non hanno una relazione, ma nella mente dell’uomo si materializzano infiniti desideri sessuali, premi anche di una scommessa fatta proprio con la sua coinquilina, che riguarda Giusina e il suo toyboy, interpretato dal bravissimo Andrea Carpiceci. Il giovane attore dimostra di essere un vero animale da palcoscenico; mimica, movimenti di scena e e una caratterizzazione originale del personaggio lo portano a simulare mosse e versi di una scimmia, di un cammello e a fare soprattutto il lumacone ai piedi di colei che potrebbe cambiare un futuro così poco soddisfacente, regalando momenti di puro divertimento.
Questo essere sopra le righe contraddistingue tutti e quattro i protagonisti del simpatico spettacolo, che si affidano al testo, spesso anche prevedibile, di Marco Mazza condito di audaci battute e colorato dai costumi di scena, estrosi come i personaggi della pièce.

Il toyboy di mia madre è uno spettacolo, che nel suo essere ironico, vuole sottolineare la difficoltà di emergere in un mondo dove spesso l’apparire conta più dell’essere. Se poi questo mondo è quello dello spettacolo, allora ci sta sempre bene una raccomandazione.
Amori in gioco, rapporti familiari invertiti e soprattutto quello che non ti aspetti in bilico tra palco e realtà.

Lo spettacolo continua:
Teatro de’ Servi
via del Mortario, 22 – Roma
fino a domenica 22 novembre
orari: da martedì a venerdì ore 21.00, sabato ore 17.30 e 21.00, domenica ore 17.30
(durata 1 h e 30 minuti intervallo escluso)

Gruppo A.T.A. presenta
Il toyboy di mia madre
di Marco Mazza
regia Eleonora Pariante
con Andrea Carpiceci, Manuel Ferrarini, Laura Monaco, Eleonora Pariante
musiche Stella Ziino
scene e disegno luci Manuela Barbato
costumi Alessandra Rollino
coreografia Marco Rea
fonica e luci Billy Bis
trucco Jenny Tomasello
acconciature Sofia Amabile

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.