La seduzione dell’attore

È andato in scena al teatro Sala Uno di Roma una interessante rivisitazione del Caligola di Albert Camus, nella quale il giovane e talentuoso Tiziano Panici è sul palco solo, eppure circondato da misteriose presenze.

Sei specchi che pendono sulla scena, in semicerchio, si spostano lateralmente rispetto al palco, lasciando scorgere il corpo di un uomo – avvolto in un lungo abito femminile, con lo smalto alle unghie – che canta con invidiabile voce alta un Lieder solenne.

È solo la prima “incarnazione” del giovane e bravo Tiziano Panici, che qui gioca il doppio ruolo di interprete unico e co-regista – insieme a Ilaria Drago – dello spettacolo.

In corpore – banchetto liturgico per Caligola è un monologo incentrato sul testo Caligola di Camus che Panici ha rarefatto fino a sgranarne dei brani, riproposti in chiave lirica non senza contaminazioni contemporanee, letterarie – echi di Bret Easton Ellis – e non.

Questo corpo monologante d’attore diventa il fulcro di una drammaturgia a più livelli. Gli specchi, semitrasparenti,  “prendono vita” grazie a delle retro-proiezioni, popolandosi dei personaggi con cui Caligola, evocandoli, interagisce: la sorella Drusilla – la cui morte, nell’opera di Camus, causa la pazzia del protagonista –, i senatori che non ne comprendono il comportamento folle, gli alter ego che abitano la personalità dell’imperatore.

Panici dà splendida prova di sé dimostrandosi un attore completo, nella tecnica recitativa – diversi registri di voce per i diversi personaggi – come nella performance fisica, quando la parola non basta più a esprimere sentimenti e sensazioni, e interviene il movimento.

Una regia elegante, uno spettacolo ipnotico e seducente, nel quale, però, la parola di Caligola – del  “politico” raccontato da Camus – così sdilinquita dall’afflato poetico del monologo perde parte della sua incisività a favore di un sottile autocompiacimento per l’affabulazione, nel quale pare di cogliere anche una sottile ironia.

A ben vedere, a sedurre non è Caligola, ma lo stesso Panici, in uno spettacolo nel quale pare che dica – parafrasando un altro grande tiranno della storia – «Caligola c’est moi».

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Sala Uno
piazza di Porta San Giovanni, 10 -Roma
fino a domenica 8 maggio, ore 21.00

In corpore – Banchetto liturgico per Caligola
tratto da Caligola di Albert Camus
regia Tiziano Panici e Ilaria Drago
con Tiziano Panici
accompagnamento drammaturgico Ilaria Drago
scena e progetto visivo Andrea Giansanti
musiche originali/sonorizzazioni Marco Guidi
disegno luci Javier Delle Monache
trucco/costumi Laura Rhi Sausi
responsabile tecnico Simone Bellingeri
ideazione grafica Angelo Sindoni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.